Sette TV
Categoria
Lecce: alla scoperta del Parco delle cave di via San Cesario
Ecco il Parco delle Cave di Via San Cesario, un importantissimo esempio di “laboratorio” di sostenibilità urbana. Il parco delle cave di Via San Cesario era precedentemente una cava estrattiva di pietra leccese, poi trasformata in orti e giardini. Sin da quando fu scoperto nel 1989 WWF Salento ha deciso di realizzare un progetto per trasformare il parco in una foresta urbana della città cercando di puntare, come ci dice il Presidente del WWF Salento Vittorio De Vitis, su un effetto “spiazzamento” per realizzare un percorso multidisciplinare che riesca a stupire i visitatori. Il progetto sarà destinato alle scuole, agli abitanti del quartiere e della città e alle realtà associative culturali. Fonte: Salentowebtv
Abbuffate natalizie: i consigli del nutrizionista
Oggi possiamo considerare terminate le festività e le abbuffate e chissà quanti di voi hanno pronunciato la frase "Da domani a dieta!" Salentoweb.tv ha deciso di fare una capatina dal Dottor Alberto Buttari, biologo nutrizionista, che consiglia quali sono le migliori abitudini alimentari e quali sono le giuste basi per una dieta equilibrata. La peggior soluzione ai problemi di peso, sottolinea il dottore, sono sicuramente le diete “fai da te”: sempre più persone provano da sole a perdere peso riducendo i nutrienti fondamentali senza alcuna indicazione medica, principalmente per motivi estetici, comportando scompensi e aumento del peso in futuro. "Una sana alimentazione contribuisce a prevenire malattie cronico-degenerative e obesità, evitate drastiche riduzioni di cibo, riempite la tavola di frutta e verdura, preferite i legumi alle proteine animali ed abituatevi a svolgere attività fisica costantemente". E' importante rivolgersi sempre ad un operatore sanitario esperto, in grado di riconoscere quali siano i problemi di ogni singolo paziente e gestire eventuali patologie. Piazza pulita in casa, distribuite dolci a parenti e amici, fate una buona camminata ogni giorno e voilà: sarete in forma perfetta! Fonte: Salentowebtv
2014: un anno in un minuto
Fonte: Salentowebtv
Jannis Kounellis è l'artista della Focara 2015
Intervista di Salentoweb.tv all'artista Joannis Loumellis: "E’ seduto di fronte a noi, eppure, mentre ci racconta la sua vita, in esclusiva a noi di Salentoweb.tv, quella che viene prima del suo arrivo a Novoli come autore del manifesto d’autore e dell’installazione sulla Focara 2015, riesce a farci fare un viaggio nella sua vita d’artista. Quella vita che lo ha allontanato dalla Grecia per portarlo in Italia dal 1956 e che lo ha spinto a girare il mondo perchè come lui ama dire: “il viaggio è la sua casa”. Il “viaggio” per Jannis Kounellis, artista, pittore e scultore greco, è il fuoco, ma questa volta, il fuoco lo ha costruito in pianta stabile. Ha fatto nascere ciò che fuoco sarà, regalando alla Focara di Novoli quella che viene definita un’arte povera (di cui Kounellis è uno dei massimi protagonisti secondo alcuni critici d’arte) ma allo stesso tempo intima ed emozionale. E l’emozione delicata, di fronte ad una struttura così imponente e maestosa come la Fòcara, non è una cosa semplice da trovare. Perchè la Focara è sentimento forte, puro e prepotente. E’ fuoco che brucia senza riserve e che non smette di bruciare. E’ la tradizione che tocca nel profondo i novolesi, devoti e non. E’ passione ardente che quest’anno diventa culto della parte più intima di una storia che si rinnova ogni anno. La Focara noi l’abbiamo seguita sin dal primo giorno della sua costruzione. Un primo giorno che quest’anno è partito con l’arte prima della posa dei tralci di vite che formano il grande falò. Sono arrivate prima le grosse pietre. Quelle che ha scelto l’artista per formare la base della pira. Quelle poste a forma di croce congiunte al centro da una grossa campana. Sulle pietre si è sviluppata la pira. Sulla pira sono state inserite le travi di ferro. Travi che la trafiggono regalando un significato forte e pietre che restano accanto alla cenere e che da chiare diventano nere regalando il lato emozionale. Si scopriranno le pietre. Resteranno solo loro e il fuoco smetterà di bruciare. E la croce e la campana faranno tornare tutto allo stato di partenza, alla base di tutto. Che è Novoli, la devozione ad un santo, la tradizione che si tramanda e si tramanderà per sempre. Ce lo spiega con la sua voce e con i suoi occhi Kounellis. E ci sorprende ancora quando ci parla del suo manifesto d’autore. Quello dove non ha scelto di mettere le pietre ma dove ha collocato a forma di croce dei bicchieri capovolti. Bicchieri pieni di quel fumo che tanto ama e da cui non si separa quasi mai e che fanno tornare tutto al loro posto con un forte filo logico. Tra la cenere, le travi che bruciano e il fumo che resterà sulle grosse pietre quando la Focara smetterà di bruciare. E poi c’è una rosa che spacca la croce, sul manifesto. La rosa che sono le travi, in realtà. La rosa che trafigge e che ha due significati: “l’amorosità e la morte. La propria morte” ci racconta l’artista. E noi lo salutiamo con una certezza: che quest’anno la Focara, come il suo artista, viaggerà nel mondo come sempre regalando a chi avrà la fortuna di assistere alla sua accensione e alla sua evoluzione il viaggio più interessante: quello nella parte più intima della tradizione e infondo anche un po' dentro se stessi." Fonte: salentoweb.tv
"District 913" inaugurata la mostra a San Francesco della Scarpa
E’ stata inaugurata all’interno della Chiesa di San Francesco della Scarpa, la mostra di Giorgio de Finis dal titolo District 913, con opere di Giovanni Albanese, Paolo Assenza, Danilo Bucchi, Paolo Buggiani, Pablo Echaurren, Carlo Gianferro, Veronica Montanino, Cristiano Petrucci, Maurizio Savini, Michele Welke e dello stesso De Finis. La rassegna rientra a far parte della III edizione di Fineterra 2014, la manifestazione itinerante promossa dalla provincia di Lecce attraverso l’istituto di culture mediiterranee, in collaborazione con We-Women for Expo e con la direzione artistica della giornalista Monica Maggioni, sul tema “Donne che nutrono il mondo. Il femminile nell’arte e nella cultura del Mediterraneo”. Realizzata in collaborazione con il MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz città meticcia, la mostra è un percorso alla ricerca di quelle esperienze artistiche che hanno trattato o vissuto lo sradicamento dell’emigrazione trasformandolo nell’oggetto della loro creatività. Il Museo dell’Altro e dell’Altrove è il terzo museo di arte contemporanea di Roma. Nato nel 2012, al termine del cantiere etnografico, cinematografico e d’arte Space Metropoliz, il MAAM è un progetto di Giorgio de Finis, in collaborazione con i Blocchi Precari Metropolitani e gli abitanti di Metropoliz. Contro-dipositivo e opera situazionista e relazionale, il MAAM si pone in concorrenza con le grandi istituzioni museali italiane e della capitale (il MAXXI e il MACRO), facendo della sua perifericità, della sua totale assenza di fondi, della sua non asetticità (il MAAM è un museo abitato, “reale”) il suo punto di forza. Avviando un nuovo virtuoso rapporto tra arte e città e tra arte e vita, il Metropoliz si sta dotando, grazie al MAAM, di una pelle preziosa e di una collezione, che l’aiuteranno a proteggersi dalla minaccia sempre incombente dello sgombero coatto. Il MAAM si prefigge di trasformare l’intera fabbrica occupata in un super-oggetto e in un soggetto d’arte collettiva. La mostra sarà aperta al pubblico con ingresso gratuito sino al prossimo 30 gennaio 2015. Fonte: Salentowebtv
Liberi e ribelli: Umberto Leo, l’ultimo dei partigiani leccesi
Prendendo spunto dalla lettura del libro di Enzo Bianco “Liberi e ribelli”, questa settimana abbiamo conosciuto Umberto Leo, uno degli ultimi partigiani leccesi viventi. Umberto Leo è uno dei 749 partigiani salentini che parteciparono alla lotta di Resistenza. “Tanti giovani di questa terra – chiosa Leo- imbevuti della propoganda fascista, inizialmente partivano come sostenitori del regime per poi scegliere di passare dall’altra parte, quella giusta”. Il partigiano Umberto ha combattuto in prima linea in Piemonte e ha visto morire vicino a sé tanti amici e compagni. Ricorda il momento i cui gli chiesero di diventare un ribelle… lui rispose: “sì, d’altronde sono sempre stato un ribelle”. Prima di salutarci, Umberto ci ricorda che il coraggio espresso in quel periodo ha garantito alle generazioni successive la libertà della quale ancora oggi godiamo. Sereno e deciso, come sempre, ci lascia con un monito: “combattete, sempre”. Fonte: Salentowebtv
Dolcetto o scherzetto? Idee per Halloween con il cake design
Appuntamento questo pomeriggio per apprendere nuove tecniche e nuovi trucchi del mestiere in tema di cake design, la nuova arte che fa tendenza nel decorare torte e cup cakes, a cura della maestra pasticcera Annikka Toni, dimostratrice Cove e docente presso la scuola professionale di Roma “a tavola con lo chef”. L’evento che è stato organizzato da Iceberg distribuzione in collaborazione con Cove, si è basato su creazioni artistiche e decorazioni da ricorrenza con cioccolato plastico e pasta di zucchero. Tema principale di questo pomeriggio, è stato quello della notte delle streghe del prossimo 31 ottobre, la notte di Halloween. Oggi infatti la nostra cake designer ci ha preparato una buonissima e creativa torta “Cimitero” arricchita da decorazioni fatte di fantasmini e zucche, per divertire i più piccini. Fonte: Salentowebtv
Dal 4 ottobre a Lecce Bibliopride 2014
Si svolgerà sabato 4 ottobre a Lecce in vari spazi della città, in particolare al Chiostro dei Teatini, al Must e allo Studium 2000, Biblioteca di Interfacoltà “Teodoro Pellegrino” la giornata inaugurale di Bibliopride 2014. Viene affrontata la tematica della integrazione musei/archivi/biblioteche, per sottolineare le importanti sinergie che è possibile instaurare tra questi tre presìdi culturali ai fini del recupero, valorizzazione, fruizione, comunicazione del patrimonio culturale. Vi sarà anche una campagna itinerante di iniziative e di visite guidate nelle biblioteche del Salento volta a condividere e diffondere la conoscenza di patrimoni e fonti di inestimabile valore. Fonte: Salentowebtv
"Carmen" del Balletto del Sud: un viaggio nel dietro le quinte
Un'intera giornata accanto alla compagnia del "Balletto del Sud" diretta da Fredy Franzutti, oggi una delle più apprezzate nel panorama nazionale. La Carmen di Fredy Franzutti, messa in scena in Piazza Pisanelli a Tricase, in una versione della celeberrima eroina di Prosper Mérimée dove si esalta il carattere della bellezza medusea che seduce il pubblico di sempre. Ha avuto circa 80 repliche nei più prestigiosi teatri e festival italiani, e nel 2010 all'opera di Tirana alla presenza di Sali Berisha e di numerose autorità albanesi, in una versione della celeberrima eroina di Prosper Mérimée si esalta il carattere della bellezza medusea che seduce il pubblico di sempre. Fonte: Salentowebtv
Cosa sta per accadere a Lecce: "Chi mi rappresenta? Che mi rappresenta?"
“Chi mi rappresenta? che mi rappresenta?" è il nome del workshop che per tre giorni ha coinvolto e ha visto protagonisti i rifugiati politici ospitati da Arci Lecce. Dopo un incontro teorico, il set ha fatto tappa nelle strade e negli spazi pubblici della città di Lecce. Na cura di Giovanni Ambrosio, in arte Black Spring Graphic, autore di questo progetto che rientra nell’Accademia del Potenziale Umano di Realizzare Fonte: salentowebtv
Alle spalle del concertone: ecco il retropalco di Melpignano
La Taranta è viva e non è morta: tanto che di eventi, ogni anno, ne attiva due. Uno quello di popolo, con i 100mila o 150mila a ballare e a scatenarsi nella piazza di Melpignano. L’altro è quello dei vip o presunti tali, con un occhio allo spettacolo e un altro al “culacchio” d’attualità. Il retropalco del concertone diventa l’occasione per vedere chi c’è e per mostrare che ci si è: ma quanti dei presenti conoscono almeno l’attacco dei brani più famosi della tradizione popolare salentina?
Salento Buskers a Lecce: la poesia del circo sull'asfalto di via Leuca
Pubblicato il 20/ago/2014 Giocolieri, acrobati, clown, mangiafuoco, performer, mimi: per una sera la trafficatissima via Leuca, a Lecce, si è trasformata in un circo all'aria aperta. Bandite le auto, benvenuti gli artisti di strada, che hanno trasformato una delle arterie più lunghe ma meno valorizzate del capoluogo salentino in un'arena di performance circensi. E' il Salento Buskers Festival, manifestazione itinerante che arricchisce l'estate del tacco d'Italia e che per la prima volta sbarca a Lecce. Il luogo non è stato scelto a caso: il quartiere Leuca è un cantiere di rigenerazione urbana, dove si stanno ripensando i modi dell'abitare nelle periferie cittadine. La "prima volta" del festival a Lecce è stata un indubbio successo: residenti e turisti, adulti e bambini hanno visto via Leuca finalmente libera dalle auto e impregnata della poesia che l'arte di strada ha portato sull'asfalto. Fonte: Salentowebtv
Santu Donnu a Nociglia: la festa del Salento per il santo che non c’è
Pubblicato il 14/ago/2014 A Nociglia, nella profonda provincia di Lecce, il 13 agosto si festeggia il santo che non esiste: lo chiamano Santu Donnu e la sua statua è arrivata nel 1949 nel paese, cuore del parco rurale dei Paduli. Da allora viene portata in processione dal centro di Nociglia alla località Fontana con una modalità poco formale: la statua del santo sistemata su un’ape, una processione di biciclette la seguono nella sua corsa verso le campagne. La chiesa ufficialmente non lo riconosce, ma il parroco del paese acconsente alla tradizione goliardica celebrando un momento di preghiera fra gli uliveti. Da alcuni anni la vecchia tradizione campestre del santo che non esiste è stata ripresa dall’associazione Terrikate, che organizza la processione goliardica, il momento parareligioso e la festa campestre a seguire: impatto zero, con le luminarie fatte di led e “cannizzi”, compostaggio ovunque e misure di compensazione ambientale della Co2 emessa. La festa gastronomica è ovviamente prodotti del territorio,, provenienti dalle campagne comprese nel parco dei Paduli: una realtà che è stata partorita dall’Unione dei Comuni “Terre di Mezzo”, incubata dal Lua e accudita dalle numerose associazioni del territorio: oggi produce non solo olio dop e ortaggi bio ma anche cultura rurale e identità agreste. Un pezzo di quell’identità è Santu Donnu, il santo che non esiste che viene festeggiato nella città che non c’è. Fonte: Salentowebtv
Dai migranti ai bambini: le due vite del Caicco di Tricase
Un'escursione fra Tricase, Andrano, Marittima e Castro a bordo del Caicco dalle due vite: nella prima vita natante senza nome che scaricò sulla costa del Salento 98 migranti curdi in fuga dalla guerra; nella seconda vita, una delle poche navi-scuola di vela latina del Mediterraneo. A bordo del Portus Veneris, oltre all'equipaggio dell'associazione tricasina Magna Grecia Mare troviamo infatti una dozzina di bambini che stanno imparando l'antica arte della vela latina, diffusa nel "mare nostrum" da oltre un millennio e che stava per scomparire agli inizi degli anni '80. Nel tour sul mare sferzato dalla tramontana, il Caicco di Tricase scorta anche una piccola processione in mare: quella della Madonna di Costantinopoli, venerata a Marittima di Diso, la cui barca esce dal porto di Andrano, vira all'altezza di Castro e raggiunge la suggestiva insenatura dell'Acquaviva per continuare la processione a terra. Il pomeriggio sull'imbarcazione a vela finisce con il rientro nel porto di Tricase, dove l'associazione Magna Grecia Mare ha la sua sede e conduce le sue attività di valorizzazione della tradizione marinara. Da ambasciatore di guerra e disperazione, il "Portus Veneris" è diventato un simbolo di pace e di vita: ecco le due vite del Caicco di Tricase, il cui destino si spera sia simile a quello del mar Mediterraneo. Fonte: Salentowebtv
Bande a Sud a Trepuzzi: nel Salento la banda non è mai sola
“La banda non è mai sola” è lo slogan dell'edizione 2014 di Bande a Sud, il festival-laboratorio delle bande musicali. La Puglia e il Salento vantano una grande tradizione bandistica: musica colta trasmessa a un pubblico popolare tramite formazioni non professioniste. La manifestazione di Trepuzzi, così, scava nella memoria musicale di un intero territorio: dal 4 agosto, data di apertura con il concerto di Vinicio Capossela e la Banda della Posta con la partecipazione del Coro della Regina Paza, fino al 16 agosto, data di chiusura del festival, Trepuzzi e Casalabate si trasformano nelle capitali delle Bande del Sud. Il festival, diretto dal maestro Gioacchino Palma, è promosso e sostenuto dal GAL Valle della Cupa, dal Comune di Trepuzzi e dal Comitato Feste Patronali Trepuzzi e da una fitta rete di enti ed associazioni. Fonte: Salentowebtv
Alba in jazz a Marina Serra: brividi sul mare salentino
Dalle 4 di notte fino allo spuntare del sole sono stati 2mila gli spettatori aggrappati sugli scogli di Marina Serra, per il concerto più suggestivo che il Salento conosca: l'Alba in Jazz, che anche questo 3 agosto 2014 ha concluso il Locomotive Jazz Festival. A organizzare questo appuntamento incantato è il Locomotive Jazz Festival che non ha rinunciato alla tappa nel Capo di Leuca nonostante il cartellone tutto leccese dell'edizione 2014. È stato l'equilibrio miracoloso tra pietra e mare, tra buio, musica e sole che ha salutato Paola Turci, l'ospite speciale di questa alba sul mare di Tricase. Insieme a lei sul palco un trio d'eccezione: il "padre" del Locomotive, Raffaele Casarano, al sax; Marco Bardoscia al contrabbasso; e mMirko Signorile al piano. Per finire con Carla Casarano che ha accompagnato la cantante romana in un intenso duetto L'Alba in Jazz non è solo un evento unico, forse il più bello in assoluto di tutta la lunga e varia estate salentina; quando il sole spunta c'è una sola parola che gira sugli scogli di Marina Serra per definire questo concerto incredibile e questo spettacolo naturale: emozionante. Fonte: salentowebtv
Il Mercatino del Gusto 2014 vista drone con Salentowebtv
Il Mercatino del Gusto col drone, dal calar del sole a notte. Un viaggio dall'alto tra le vie dei sapori allestite nel centro storico di Maglie tra cortili, palazzi e piazze. Fonte: Salentowebtv
Porto Cesareo in barca: mare, pesce e turismo a km 0
Una battuta di pesca e turismo nelle cristalline acque dello Ionio in una limpida giornata di tramontana. A bordo dello Sparviere, gozzo di mare agli ordini di capitan Gianni, pescatore da generazioni, salpiamo dalla banchina di Porto Cesareo alla scoperta di questa nuova pratica turistica. Fonte: Salentowebtv
L'arte urbana a Lecce: riuso, riciclo e creatività
Pubblicato il 23/lug/2014 Nuovo arredamento urbano per le vie più trafficate di Lecce. Vecchie cabine della Telecom diventano camerini, i cassonetti della nettezza urbana hanno un nuovo aspetto, i marciapiedi della città si colorano laddove le radici degli alberi li avevano smantellati. Sono state realizzate da 52 artisti provenienti da tutta Italia e da paesi esteri, installazioni artistiche che rientrano nel progetto della Terza Biennale del Salento, inaugurata qualche settimana fa a Palazzo Vernazza. L'obiettivo è quello di portare l'arte sul territorio pubblico e liberare la creatività dai confini dei luoghi ad essa deputati, un percorso di riscoperta espressiva attraverso interventi artistici che danno nuovo colore, nuova vita e nuova energia agli spazi della nostra quotidianità. Fonte: salentowebtv
Le donne di Pietro Guida in mostra al Rettorato di Lecce
Il Rettorato di Lecce si trasforma in luogo espositivo aperto ai cittadini ed ai turisti che visitano il centro storico leccese. Nel suo chiostro ospita infatti la mostra " Salomè e le altre", di Pietro Guida, uno dei protagonisti dell'arte contemporanea nazionale e pugliese. Lo scultore ultra novantenne, già docente dell' Accademia delle Belle Arti di Lecce, mette in mostra le sue opere figurative 1:1 in cemento di tanto tempo fa o di qualche giorno fa. Orfeo ed Euridice, l' Equilibrista, Salomè, un rimbalzo tra il mito e la quotidianità raffigurati in maniera realistica, nonostante il passato astratto dello scultore. Fonte: Salentowebtv
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | >> | Ultima