Barricati in casa per paura dei cani della vicina
lunedì 1 ottobre 2012
"Viviamo con il terrore, giorno e notte, di essere aggrediti dai cani della vicina". Una vicenda che ha dell'incredibile, a Calimera, dove una coppia vive quasi "rintanata" nella propria abitazione per paura che un branco di cani, appartenenti alla vicina, possa attaccarli. "La storia va avanti da due anni - spiega il marito, Leopoldo Cazzato -, da quando questo branco viene lasciato in libertà dalla proprietaria. I cani scavalcano muri e recinzioni, senza nessun tipo di difficoltà, e invadono casa nostra e quelle degli altri vicini, causandoci gravi problemi". La moglie del signor Cazzato, infatti, la settimana scorsa è stata aggredita nel suo giardino dal branco e si è salvata solo grazie alle grate della sua casa dietro le quali si è potuta riparare. Una gatta che stava per partorire è stata sbranata e la stessa fine hanno fatto le otto galline del loro pollaio.
"Le nostre denunce - ha continuato Cazzato - sono iniziate due anni fa. Sindaco, Asl, vigili urbani, tutti sono stati messi al corrente di questo gravissimo problema, ma poco o nulla si è fatto. La vicina fa orecchie da mercante e i cani continuano a vivere in stato brado, senza un minimo di controllo. Non ci rimane che presentare un esposto alla Procura della Repubblica. Così non possiamo andare avanti: abbiamo paura di uscire da casa e, come se non bastasse, mia moglie soffre di tachicardia e la notte non riusciamo a dormire. I cani, infatti, scorrazzano sulle terrazze delle nostre case". La coppia, nell'attesa che qualcuno intervenga, continua a vivere "con grande timore", rinchiusa dentro casa.