Il Lecce di Tesoro ha bisogno dei tifosi
sabato 7 luglio 2012
Antonio Tesoro: “Vogliamo instaurare fin da subito un rapporto con i salentini e con quanti hanno a cuore le sorti della squadra giallorossa”

La nuova proprietà cerca in tutti i modi di lanciare precisi segnali di discontinuità rispetto alla gestione della famiglia Semeraro. La tifoseria più radicale ha sempre accusato l’ex patron di aver condotto una gestione fredda, poco incline ai rapporti con i tifosi più accesi. Tesi ardita per i più, soprattutto da coloro che continuano ad essere grati a Giovanni Semeraro per i successi della sua gestione.
Il prossimo responsabile dell’area tecnica, Antonio Tesoro (nella foto), ha in mente un’idea per molti versi rivoluzionaria: introdurre una figura che funga da raccordo tra società e supporter. “Vogliamo instaurare fin da subito un rapporto con i salentini e con quanti hanno a cuore le sorti della squadra giallorossa -ha dichiarato Tesoro junior-. Nel nuovo organigramma societario ci sarà anche una persona che curerà i rapporti tra la proprietà e la tifoseria”.
A proposito di organigramma, Savino Tesoro è alla ricerca delle figure più appropriate per riempire al meglio tutte le caselle della nuova società. Intanto, in vista della prossima stagione, Savino Tesoro appare fortemente intenzionato a ridimensionare l’ossatura societaria. Per i collaboratori per i quali è scaduto il contratto di lavoro il 30 giugno scorso, le possibilità di reintegro sono assai scarse. Soprattutto in caso di retrocessione in Lega Pro, ipotesi che i nuovi proprietari non scartano a priori visto che, al momento dell’acquisizione del pacchetto di maggioranza, hanno ritenuto indispensabile l’inserimento di una clausola che permetta una transazione a costo zero.
A certi argomenti i tifosi sono poco interessati, vorrebbero sentir parlare di calciomercato e di progetti tecnici. Ma l’unica certezza di rilievo che Tesoro Senior è in grado di fornire è legata all’ingaggio del nuovo tecnico, Franco Lerda, già alle dipendenze del prossimo presidente ai tempi della Pro Patria.
Francesco Covella

(fonte: FREE Lecce)