Italia in Comune, esordio in Regione: "Daremo nostro contributo programmatico"
lunedì 10 febbraio 2020

È stato presentato questa mattina a Bari il nuovo gruppo consiliare di Italia in Comune alla Regione Puglia, composto dal neo presidente Paolo Pellegrino, dall’assessore Antonio Nunziante e dal consigliere Mauro Vizzino.

Antimafia sociale, ascolto dei territori e una proposta di legge regionale sulla pulizia dei fondali marini, i primi temi del gruppo, illustrati alla presenza del governatore Michele Emiliano, del vice coordinatore nazionale di Italia in Comune Michele Abbaticchio e del coordinatore regionale Rosario Cusmai.

“Il nostro gruppo – ha spiegato Pellegrino - è nato da una coerenza politica, e non da una convenienza elettorale, nel quadro di un movimento strutturato a livello nazionale e locale e a sostegno della ricandidatura di Michele Emiliano. Daremo il nostro contributivo programmatico e migliorativo e siamo certi che la presenza del leader, Federico Pizzarotti, prevista per il 29 febbraio a Lecce, possa dare la giusta spinta propulsiva. Nel momento in cui si passa dal leaderismo all’egoismo, l’unico effetto che si produce è quello di rompere le maggioranze. Noi ci presentiamo compatti con lo spirito collaborativo grazie a un partito che basa il suo dna sul lavoro e sull’importanza dei sindaci e degli amministratori locali”.

“Si tratta di un punto importante per il nostro partito che si affaccia per prima volta nella politica regionale. Ho condiviso con entusiasmo questo progetto perché parte dal basso e dai territori” ha aggiunto Vizzino.

“Stiamo formando un gruppo di persone impegnate che non vivono della politica, ma la ritengono un impegno sociale. Crediamo molto nell’antimafia sociale perché non c’è sviluppo economico se non c’è sicurezza. Da ex prefetto e da 30 anni di gestione commissariale, so quanto sia difficile fare il sindaco. Sono i sindaci, come dimostra Italia in Comune, gli eroi della politica” ha spiegato l’assessore Nunziante.

Di “un ulteriore e fondamentale tassello in Puglia” ha parlato Abbaticchio “Perché si portano ulteriore proposte dei territori. Penso al Salento, al Barese (dove siamo nati) al Foggiano e tutte le restanti province pugliese. La nostra sarà una lista che rappresenterà il nostro partito, i nostri territori partendo anche dalle marginalità”.

Per il segretario Cusmai “Italia in Comune è il partito dei sindaci perché dalle buone pratiche amministrative ne abbiamo fatto tesoro. Italia in Comune si occupa delle aree più dimenticate della Puglia. E il 18 e 19 aprile celebreremo congresso nazionale a Taranto, per dare un segnale di concreta attenzione”.

“Oggi la costituzione di questo gruppo – ha concluso il governatore Emiliano - coincide con l’evoluzione della coalizione della Puglia. Io non sono iscritto ad alcun partito e Italia in comune con il Partito democratico rappresentano i punti cardine della coalizione, contro i sovranisti, i post fascisti, contro gli egoismi. Un fronte interessante per interpretare il nostro tempo, una bella scommessa anche per attrarre i giovani. Italia in comune, è una sorta di evoluzione delle liste civiche, fondamentale per contrastare qualunque candidatura della coalizione di centrodestra che al momento si sta scannando per l’egemonia di ex democristiani acquisiti alla causa sovranista e post fascista”.