Sequestrati 300 kg di droga, avrebbero fruttato 4 milioni di euro: arrestato scafista
martedì 10 dicembre 2019

Operazione della guardia di finanza al largo delle coste brindisine: l'uomo lo scafista, di nazionalità albanese, è stato arrestato per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti.

Trasportava 300 chili di droga destinata allo smercio sui mercati pugliesi: maxi sequestro di stupefacenti all'alba di questa mattina ad opera della guardia di finanza.

In particolare, durante l’ordinaria attività di pattugliamento marittimo, un’unità navale del Reparto Operativo Aeronavale di Bari - Sezione Operativa Navale di Brindisi, ha localizzato e fermato un’imbarcazione a poche miglia dalla costa. La tipologia del mezzo, l’insolita posizione nonché le vaghe e incoerenti dichiarazioni rese dallo scafista hanno insospettito i finanzieri che hanno condotto nel locale porto l’imbarcazione per effettuare un controllo accurato.

A bordo dell’imbarcazione, in un vano posto sotto la plancia di comando, i militari hanno rinvenuto 186 involucri cellophanati per un totale di 310 chili di marijuana e 24 chili di hashish che al mercato clandestino avrebbero fruttato quasi 4 milioni di euro.

Il natante utilizzato per l’illecito traffico, uno scafo in vetroresina di circa 5 metri, con un potente fuoribordo, è stato sottoposto a sequestro, mentre lo scafista, di nazionalità albanese, è stato arrestato per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti e posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

L’operazione aeronavale portata a termine nella giornata di ieri, conferma l’efficacia del dispositivo di presidio marittimo messo in atto dalla Guardia di Finanza quale “polizia del mare”, a contrasto dei traffici illeciti rivolti verso i confini nazionali e dell’Unione Europea.