Non si ferma al posto di blocco e scatta folle inseguimento: in manette dopo fuga di 60 km
mercoledì 4 dicembre 2019

È accaduto nel tarantino, con i carabinieri che hanno arrestato un 23enne della provincia di Potenza. Nei guai anche il passeggero.

Non si è fermato al posto di blocco, ingaggiando un folle inseguimento e venendo arrestato dopo 60 km di fuga: è accaduto nella serata di ieri, a Taranto. Finisce in manette per resistenza a pubblico ufficiale un 23enne incensurato della provincia di Potenza resosi autore, unitamente ad un complice, di un rocambolesco e spericolato inseguimento.

I militari, durante un servizio di controllo del territorio nell’area della Città vecchia di Taranto, hanno intimato l’alt a un’Audi A4 Station Wagon di colore scuro: il conducente, però, invece di fermarsi, aumentava l’andatura per eludere il controllo. Scattava così un inseguimento folle lungo le strade del quartiere Tamburi e della zona Nord della città, dove una seconda pattuglia del Radiomobile si univa alla caccia a sirene spiegate.

La vettura in fuga attraverso manovre ad altissimo rischio, ma sempre tallonata dagli equipaggi dei carabinieri, imboccava la SS106 Jonica e la percorreva a folle velocità, ma, giunta all’altezza del bivio per Ginosa era costretta a fermarsi a causa di un posto di blocco messo in opera dai militari della locale stazione. I due occupanti tentavano una fuga a piedi ma ogni tentativo risultava vano a causa dell’immediato intervento dei carabinieri che prontamente li bloccavano. I due uomini venivano quindi portati in caserma e, al termine delle formalità di rito, si procedeva all’arresto del conducente ed alla denuncia a piede libero del passeggero.