Scorrano, Comune a rischio scioglimento: presentata relazione della commissione prefettizia
giovedì 7 novembre 2019

Terminato il lavoro della commissione prefettizia: ora spetterà al Viminale decidere sul futuro dell’amministrazione.

Rischia il commissariamento il Comune di Scorrano, alla luce di quanto accaduto nei mesi scorsi con l’operazione “Tornado” e dopo il lavoro svolto dalla commissione prefettizia, che ha consegnato la propria relazione e che finirà nelle mani del Viminale, chiamato a decidere il destino dell’amministrazione.  

L’operazione del giugno scorso aveva portato a trenta arresti per associazione a delinquere e al coinvolgimento del sindaco, Guido Stefanelli, indagato a piede libero per concorso esterno in associazione mafiosa. Il primo cittadino, che ha parlato coi pm insieme ai suoi legali, si è sempre dichiarato innocente e soprattutto, a livello politico, ha manifestato la volontà di andare avanti alla guida dell’ente, nonostante le defezioni che ha registrato nella sua maggioranza nei mesi successivi.

Non è chiaro se l’indicazione della commissione e della prefettura sia quella di sciogliere il consiglio ma il clima resta teso e i fatti contestati sembrano mettere in discussione la permanenza dell’amministrazione. Se Scorrano dovesse essere sciolto per mafia, si tratterebbe del quarto caso in due anni nella sola provincia leccese, dopo Parabita, Sogliano Cavour e Surbo, senza dimenticare Carmiano su cui il Ministero non ha ancora sciolto la riserva.