Nel Salento prezzi bloccati sotto l'ombrellone
venerdì 1 giugno 2012
La crisi inciderà anche sulle vacanze 2012. I gestori di spiagge e lidi si guardano bene dall'alzare i prezzi, che restano inchiodati al 2011
 
Ma il caro amato ombrellone sarà caro in tutti i sensi? Il fai da te sembra ormai impossibile. Arretrano sempre più gli arenili selvaggi, soppiantati da innumerevoli stabilimenti balneari, restano un miraggio le spiagge libere con servizi. La crisi non comporterà l’abbassamento dei prezzi sui listini, ma solo il mantenimento delle tariffe dello scorso anno. Vediamo dove e quanto.
Guardare lo Jonio immobile e cristallino da Porto Cesareo, sdraiati in panciolle all’ “Orange Sun” (nella foto, fonte: www.salento.it), longevo lido incastonato tra dune selvagge e distese di macchia mediterranea, costerà come nell’estate 2011. 30 euro per un ombrellone e due lettini in alta stagione. 
Ma la struttura ha aperto i battenti già da tempo, grazie alle elevate temperature di qualche settimana fa, e i patiti della tintarella da bassa stagione dimezzano le spese, con soli 15 euro. Per il mese di luglio invece il costo del servizio, come comunicato all’Ente Provinciale del Turismo, si ferma a 22 euro. Il costo di una singola sdraio, variabile anche quello in base ai periodi, oscilla da 5 a 10 euro. Fin qui il tariffario per i clienti occasionali o giornalieri. Per gli stagionali invece, il carnet prevede 1.350 euro in prima fila, 1.250 in seconda, 1.200 dalla terza alla quinta.
“Orange Sun compie dieci anni -spiega il gestore, Claudio De Pace- e per l’occasione abbiamo pensato di inaugurare una frutteria con lounge bar e musica da ascolto. Sarà aperta tutte le sere insieme al ristorante attiguo, già apprezzato dai clienti per la scelta di prodotti freschi e bio”. Servizio bar, parcheggio gratuito per i clienti affezionati, docce, barman all’esterno per cocktail con i fiocchi, attrezzatura per disabili, area pronto soccorso e bagnini specializzati, nel pacchetto-Orange, oltre allo stuolo di volti noti del panorama politico, artistico e musicale nazionale, dai Negroamaro alla Bernardini De Pace, da Cesare Salvi ai calciatori dell’Us Lecce e molti ancora.“L’erosione per fortuna non ha colpito Porto Cesareo -spiega De Pace-, rasentiamo già il tutto esaurito”. 
Massaggi, poltrone sontuose alla Milano Marittima, tende candide e sofà, happy hour musicale, stile esotico e divertentismo sono di casa al Bahia del Sol, un centinaio di metri più a nord.
Cambiando versante, cambiano anche i prezzi.
L’Adriatico delle marine leccesi offre soluzioni più adatte alle famiglie, con pacchetti giornalieri a portata di tasca. Se ci si “accontenta” di ombrellone, due sdraio e un bar in riva al mare, da 600 a 800 euro ci si può garantire l’intera stagione. Per chi è abituato al “mordi e fuggi” quotidiano invece, il servizio completo costa 12 euro.
Stabilimenti balneari di ogni stile e per tutte le tasche. Chiringuiti a fior di sabbia, ombrelloni indonesiani o atmosfere zen, cale selvagge, lettini tra i palmizi, strutture per nudisti o lidi fashion all’ultima moda, baldacchini e sofà che richiamano l’Africa, caleidoscopi di colori che catapultano a Cuba, o classico trinomio: ombrellone e lettini più o meno anonimi.
Anche in questo caso prezzi variabili ma in linea con le passate stagioni. A Torre dell’Orso “La Pineta” propone il tutto compreso per quattro persone a 40 euro, “Spiaggia Azzurra” a Otranto  chiede 3,50 euro per un ombrellone, idem per il lettino, 2 euro per una sdraio o per il parcheggio, ma è possibile anche il pacchetto ombrellone+due lettini+parcheggio a 14 euro.
Lido che vai prezzo che trovi e, sempre a Otranto, il carnet de “I Due Mori” prevede 6,50 euro per l’ombrellone in prima fila, 4,50 in seconda fila, sdraio o lettino a 4,50 euro e cabina a 6,50 euro ma i prezzi aumentano sensibilmente a partire dal 22 luglio.
Tra Andrano, Pescoluse e Lido Marini, il prezzo medio del tutto compreso per un minimo di 4 persone va, in media, da 45 a 50 euro almeno fino a fine luglio mentre a “Lido Pizzo”, a Gallipoli, la media sale a 73,50 euro. 
E in tema di pulizia? Ogni stabilimento è tenuto, oltre che alla manutenzione della sua porzione spiaggia, anche alla pulizia del tratto libero alla sua destra e alla sua sinistra. L’Amministrazione comunale inoltre, ha deciso di anticipare la remise en forme degli arenili e tra qualche giorno saranno avviati gli interventi quotidiani. 
 
Fabiana Pacella 
 
(fonte: FREE Lecce)