Strage di Cursi, processo con rito abbreviato per l'assassino reo confesso
mercoledì 15 maggio 2019

L’uomo, reo confesso dell’assassinio di tre persone e del ferimento di una quarta sarà processato con rito abbreviato.

Sarà processato con rito abbreviato Roberto Pappadà, il pluriomicida reo confesso che sparò per strada, in via Tevere, ai vicini di casa, uccidendo tre persone (Francesco e Andrea Marti, Maria Assunta Quarta) e ferendone una quarta (Fernanda Quarta), a Cursi, la sera del 28 settembre a Cursi.

La richiesta è stata avanzata dal suo avvocato difensore Nicola Leo e accolta dal gup Simona Panzera: la decisione del rito abbreviato non eviterà l’ergastolo ma potrebbe garantire all’imputato di evitare l’isolamento e tempo di giudizio più rapidi. Il processo proseguirà il 19 giugno.

I familiari delle vittime si sono costituiti parti civili, sostenute dagli avvocati Arcangelo Corvaglia e da Marino Giausa, chiedendo un milione di euro di risarcimento a testa.