Terzetto fermato dagli agenti: rubata merce dai supermercati per 1.500 euro
sabato 13 aprile 2019

Si tratta di due donne rumene e del loro nipote che era appostato in macchina ad attenderle.

Nella tarda mattinata di ieri, una volante è stata inviata presso il supermercato denominato Eurospin di via Lodi, dove era stata segnalata la presenza di persone sospette.

Il personale addetto alla sicurezza, che nei giorni scorsi aveva notato l’ammanco di merce, aveva sorpreso due donne che stavano occultando della merce sotto gli abiti e in alcune buste. Persone già note, visto che, in passato erano state immortalate dal sistema di videosorveglianza e oggetto di denunce presso gli uffici delle forze dell’ordine.

La Volante, ad un centinaio di metri dal piazzale dell’area di parcheggio del supermercato, aveva notato un’auto con un ragazzo all’interno. Si trattava di un’autovettura già segnalata in passato. Mentre gli agenti bloccavano il conducente quasi nello stesso momento il personale del supermercato, vedendo la Polizia, aveva richiamato l’attenzione indicando le due donne.

Un altro equipaggio arrivato sul posto si era diretto verso le due donne fermandole. Nelle borse c’era merce del supermercato non pagata. Una delle donne aveva sotto le gonne altri prodotti sottratti dagli scaffali.

Le persone fermate erano due cittadine rumene, residenti a Taranto di 39 e 21 anni e un ragazzo rumeno 17enne, rispettivamente figlio della 21enne e nipote della 39enne. Dal supermercato era portata via refurtiva per 345,21 euro, mentre all’interno della vettura c’era merce della stessa catena di distribuzione per altri 849,45 euro. Sempre all’interno dell’auto, c’era altra refurtiva, che le stesse donne avevano portato via da un altro supermercato di Lecce per un valore di 214 euro. I fermati avevano precedenti specifici per reati simili: le due donne erano state più volte arrestate in vari comuni delle province di Brindisi-Taranto e Lecce per furti nei supermercati. Le due donne sono state quindi arrestate per furto aggravato in concorso con minore indagato in stato di libertà.