Sparatoria in pieno centro nel foggiano, muore carabiniere: arrestato il killer
sabato 13 aprile 2019

Il killer fermato per un controllo, ha estratto la pistola e ha sparato al carabiniere uccidendolo e ferendo il suo collega.

Sparatoria in pieno centro a Cagnano Varano, nel foggiano: nel conflitto a fuoco è morto un carabiniere in servizio, mentre un secondo miltare è rimasto ferito. Gli agenti intervenuti subito dopo la sparatoria hanno fermato un pregiudicato 67enne: pochi minuti fa è stato convalidato l'arresto. Il killer fermato per un controllo, ha estratto la pistola e ha sparato al carabiniere uccidendolo e ferendo il suo collega.

La vittima è Vincenzo Carlo Di Gennaro, 46 anni, originario di San Severo ma in servizio a Cagnano Varano. 

Su Facebook il ricordo da parte del Comando generale dell'Arma. "Il maresciallo era celibe e non lascia figli, diranno le prime note di agenzia. Ma tutti noi ne siamo orfani. I familiari, gli amici, i colleghi. Chiunque abbia a cuore la giustizia e conosca il valore della vita. Arrivederci nel cielo, Vincenzo Carlo. Il viaggio ti sia lieve".

Su Facebook tanti i messaggi di cordoglio da parte delle istituzioni.

"Vincenzo Di Gennaro faceva il maresciallo dei Carabinieri in un piccolo paese del Gargano, Cagnano, dove la mafia non è un concetto astratto. Dove a un posto di blocco rischi la vita… - scrive Raffaele Fitto - VINCENZO E’ MORTO COSÌ. Uno dei tanti eroi quotidiani dei quali i giornali parlano solo in queste occasioni. La giustizia farà il suo corso e la speranza è che chi l’ha ucciso finisca i suoi giorni in carcere…Un forte abbraccio alla sua famiglia, alla comunità di Cagnano Varano e all’Arma dei Carabinieri."

"C’è stato un gravissimo episodio - scrive Michele Emiliano - un maresciallo dei carabinieri, Vincenzo Carlo Di Gennaro, è stato ucciso in un conflitto a fuoco questa mattina nella piazza di Cagnano Varano in provincia di Foggia. Un altro carabiniere è rimasto ferito. Avendo lavorato per anni accanto a queste persone, per me un fatto del genere è insopportabile, pesantissimo. E ci ricorda delle tante persone senza le quali questo paese non starebbe in piedi. Il mio pensiero va a queste meravigliose persone, tra le quali il Maresciallo Di Gennaro, delle quali non si sente mai parlare se non il giorno in cui succede loro qualcosa di irreparabile. La Puglia intera si stringe attorno all’Arma dei Carabinieri e alle famiglie dei due militari."

"E' una giornata di lutto, ci stringiamo commossi ai familiari di Di Gennaro e all'intera Arma dei Carabinieri" ha dichiarato il Premier Conte, in diretta da Bari.

"Io sono contro la pena di morte - scrive Matteo Salvini - ma un infame che ammazza un uomo, un Carabiniere, che sta facendo il suo lavoro, non merita di uscire di galera fino alla fine dei suoi giorni".

"Questa mattina durante un ordinario controllo, nella piazza principale di Cagnano Varano, un criminale ha estratto una pistola e ha sparato contro due nostri Carabinieri. - scrive Luigi Di Maio - Uno di loro, un maresciallo, è deceduto; l’altro è rimasto ferito ed è in ospedale. Il mio cordoglio, la mia vicinanza alla famiglia e ai cari dei due militari. 
Questo omicidio non ha colpito solo due servitori dello Stato, ma l’intero Stato. Chi tocca un Carabiniere tocca lo Stato, tocca ognuno di noi. Ora basta, ci sarà una reazione!"