"Dal clima ai rifiuti": incontro sulle sfide ambientali del Salento
mercoledì 3 aprile 2019

Se ne parlerà domani all’ex Convitto Palmieri di Lecce (ore 19) con l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone.

I cambiamenti climatici, l’inquinamento atmosferico, i problemi della gestione dei rifiuti sono tra le maggiori minacce per i territori pugliesi e rappresentano vere e proprie emergenze cui occorre dare risposte concrete ed efficaci.

Lo Sciopero Mondiale per la salvaguardia dell’ambiente promosso dal movimento Fridays For Future della 16enne Greta Thunberg, che, lo scorso 15 marzo, ha portato migliaia di studenti nelle piazze di tutto il mondo, ha lanciato un messaggio forte e chiaro: i giovani sono in campo e vogliono riprendersi il futuro ma la politica deve fare di più. Perché in gioco, ormai, non c’è più solo un’ecologia “fisica”, ovvero attenta a tutelare l’habitat dei diversi esseri viventi, c’è soprattutto un’ecologia “umana”, che renda più dignitosa l’esistenza delle persone proteggendone il bene della vita in tutte le sue manifestazioni e preparando alle future generazioni un ambiente sano e armonioso.

Ed è proprio nel solco di questa consapevolezza che s’inserisce l’iniziativa voluta dall’assessore regionale Loredana Capone “In prestito dai nostri figli”, che vedrà anche la partecipazione di Andrea Tundo per Fridays for Future Puglia, Roberto Paladini per CulturAmbiente e Mons. Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto, da sempre in prima linea per difendere il destino della sua città e dei tanti cittadini che ogni giorno subiscono il calvario degli impatti di Ilva.

Un’occasione per riflettere, confrontarsi e raccogliere idee e proposte sui temi più delicati che riguardano la tutela del nostro ambiente.

“È un momento importante questo per le nostre città e le nostre comunità - ha detto l’assessore Capone - un momento in cui anche i più giovani si stanno mobilitando. La questione ambientale non è più eludibile nell’agenda politica internazionale così come in quella dei singoli governi. Dalla salute dell’ambiente passa il futuro dei nostri figli e il progresso della nostra società oltre che l’attrattività dei nostri territori. Da salentina ho sentito l’urgenza - ha aggiunto - di agevolare un confronto nella mia comunità con alcuni dei protagonisti pugliesi delle principali sfide ambientali. Da salentina ma anche da assessore alla cultura e al turismo, perché è chiaro che tutta la pubblicità negativa che è passata in questi anni nelle case degli italiani su Ilva, Tap, Cerano, come anche tutte le discariche a cielo aperto che continuano ad invadere le nostre campagne piuttosto che le principali strade provinciali, sono un terribile biglietto da visita per chi vuole venire a visitare la Puglia. La Regione Puglia, con il presidente Emiliano, è impegnata in queste battaglie al fianco delle associazioni ambientaliste che svolgono un ruolo fondamentale nella divulgazione delle informazioni sull’ambiente del nostro Paese e sui suoi numerosi problemi.

L'ambiente e gli ecosistemi - ha concluso - sono beni inviolabili del pianeta e come tali devono esser tutelati con Leggi rigorose”.

L’iniziativa, in programma alle 19 nel teatrino dell’ex Convitto Palmieri di Lecce, è realizzata in collaborazione con MEMO Grandi Magazzini culturali. L’incontro, aperto a tutta la cittadinanza, sarà moderato da Paolo Paticchio dell’Associazione Treno della Memoria.