Le associazioni ribadiscono la fiducia all’ex sindaco: “Da Lecce Bene Comune maldestra ricostruzione”
sabato 16 marzo 2019

Francesco Calabro per Lecce Città Pubblica, Giuseppe Fornari per Una buona storia per Lecce e Nicolangelo Barletti Idea Per Lecce hanno sottolineato la continuità del ticket Salvemini-Delli Noci.

“La ricostruzione effettuata oggi in conferenza stampa dal presidente di Lecce Bene Comune e dal segretario provinciale di Sinistra Italiana è approssimativa e maldestra”. Lo specificano Francesco Calabro per Lecce Città Pubblica, Giuseppe Fornari per Una buona storia per Lecce e Nicolangelo Barletti Idea Per Lecce.

“Lecce Città pubblica, Idea per Lecce, Una Buona Storia per Lecce fanno parte della coalizione di Carlo Salvemini sin dalle alle elezioni del 2017, in occasione delle quali hanno rappresentato il 13 per cento dell’elettorato dei leccesi, un elettorato civico certamente espressione delle sensibilità di sinistra della città. Da espressioni della sinistra cittadina ci sentiamo in questa coalizione pienamente a nostro agio, perché le politiche realizzate nei 18 mesi di governo sono pienamente coerenti con i nostri principi e valori. Nelle scorse settimane alcuni rappresentanti delle nostre associazioni hanno semplicemente ribadito – in colloqui e incontri non da noi sollecitati in prima istanza – quali fossero le condizioni per un’intesa politica, le stesse poste da Salvemini al momento della ricandidatura: il riconoscimento della positiva esperienza dei 18 mesi e del ticket con Delli Noci. Oltre alla impossibilità di avere il simbolo LBC in lista non in ragione di questioni personali, bensì in ragione della pendenza di controversie giudiziarie che hanno inevitabilmente determinato l’impossibilità di costituire un patto fiduciario credibile agli occhi degli elettori”.

Oggi invece, secondo le associazioni, è stato dato un giudizio largamente negativo sui 18 mesi di amministrazione: “È stato sottolineato che non vi è sintonia con il candidato sindaco, che non esiste altra soluzione se non la presentazione di una lista di Lecce Bene Comune e che, come sostenuto oggi dal segretario di Sinistra Italiana, la partecipazione alle elezioni amministrative è solo una delle possibilità attraverso le quali si intende fare politica. Una posizione singolare se assunta dal rappresentante locale di un partito nazionale. Nessuna volontà di intraprendere la via d’uscita politica indicata da Salvemini, quella di una lista che proponesse il simbolo di Liberi e Uguali, alleanza presentata alle ultime elezioni politiche nazionali. Di fronte a questi giudizi e decisioni oggi più che ma ribadiamo fiducia a sostegno pieno e convinto al fianco di Carlo Salvemini, all’interno della coalizione progressista, civica e moderata, consapevoli che la politica è agire partendo dal dato di realtà”.