Ordigni bellici davanti al lungomare di San Cataldo: area off-limits, sub al lavoro
venerdì 15 marzo 2019

Le operazioni di monitoraggio iniziate mercoledì, ordinanza della Capitaneria per bloccare il transito. 

Ordigni bellici a San Cataldo: la segnalazione è arrivata nella giornata di sabato e la Capitaneria di Porto di Otranto ha emesso un'ordinanza immediata per bloccare il transito marittimo nell'area.
Si tratta di una porzione di specchio acqueo compresa tra il faro e il molo di Adriano, nelle cui vicinanze è stata notata la presenza di oggetti che potrebbero essere ordigni inesplosi della seconda guerra mondiale e dunque potenzialmente pericolosi.
Le operazioni di recupero e l'eventuale brillamento sono state affidate agli uomini del Raggruppamento Subacquei ed Incursori della Marina Militare che stanno effettuando da mercoledì scorso il monitoraggio dei fondali da alcuni giorni. Per evitare pericoli, essendo un'area di mare adiacente al lungomare di San Cataldo il commissario prefettizio ha deciso l'attivazione del C.o.C., il centro operativo comunale che coinvolge Protezione Civile , vigili del fuoco e 118.