Cadavere ritrovato sugli scogli a Brindisi: potrebbe trattarsi del pescatore disperso al Ciolo
martedì 15 gennaio 2019

Il  corpo è stato recuperato ieri: in corso le verifiche per l'identificazione. 

Un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato trovato nella tarda serata di ieri sul litorale di Brindisi, in zona Giancola. Il corpo – quasi sicuramente di un uomo- era adagiato sugli scogli adiacenti alla Torre Saracena ed è stato notato da alcuni passanti che hanno immediatamente chiamato le forze dell'ordine. Sul posto sono intervenuti la polizia, i vigili del fuoco e la guardia costiera: il corpo è stato recuperato e condotto presso la camera mortuaria del cimitero di Brindisi in attesa di un'ispezione cadaverica più approfondita. L'uomo avrebbe anche una profonda ferita da taglio all'altezza della gola. Gli investigatori stanno incrociando i dati sugli scomparsi nelle ultime settimane: in provincia di Brindisi non è stata presentata alcuna denuncia mentre un'ipotesi da vagliare è che il cadavere senza nome appartenga al 67enne di Gagliano del Capo caduto in mare vicino il ponte del Ciolo il giorno di Santo Stefano e mai più ritrovato. Altra ipotesi è che si tratti di uno straniero: un migrante morto in mare o il cittadino di un paese dell'altra sponda dell'Adriatico.