L'U.S: Lecce ci riprova: "Stop ai fumogeni, pagati già oltre 36mila euro"
venerdì 7 dicembre 2018
Un nuovo appello ai tifosi per mettere un freno all'utilizzo di fumogeni che costa ogni giornata pesanti sanzioni pecuniarie.  

L'U.S. Lecce ci riprova e chiede nuovamente ai tifosi di non lanciare fumogeni durante le partite per evitare di pagare ancora una volta multe salatissime.

“Come è noto, l'accensione e il lancio di materiale pirotecnico sono vietati dalla normativa statale e federale poiché potenzialmente pericolosi per la sicurezza e la pubblica incolumità e sono rigorosamente sanzionati a titolo di responsabilità oggettiva della Società. Nelle scorse tre stagioni sportive l’U.S. Lecce ha versato alla Lega Pro le seguenti ammende: S.S. 2017/2018: 33mila euro; S.S. 2016/2017: 42.500 euro; S.S. 2015/2016: 37.500 euro. Per la stagione sportiva in corso e fino a oggi (14^ giornata di andata), l’U.S. Lecce ha versato alla Lega Nazionale Professionisti Serie B Euro 36.500 a causa delle ammende subite. Tali risorse economiche potrebbero essere diversamente e meglio utilizzate dalla Società anche per iniziative aventi positive ricadute sulla collettività ed il territorio. L’U.S. Lecce, pertanto, confida nella collaborazione dei propri tifosi al fine di far cessare in futuro tali comportamenti.