Rissa vicino la stazione, convalidato l’arresto. Fermato un altro parcheggiatore abusivo
mercoledì 7 novembre 2018

Controllati anche altri due esercizi commerciali, un minimarket di Via Dalmazio Birago ed un automarket di Via Calasso.

Resta in carcere il cittadino indiano arrestato dalla polizia di stato a seguito della lite di domenica pomeriggio. Alle ore 18 del 4 novembre scorso, allertati da una telefonata al 113, gli agenti delle Volanti della Questura di Lecce erano immediatamente intervenuti presso il piazzale antistante la stazione ferroviaria dove due uomini stavano litigando.

Gli agenti avevano arrestato un cittadino indiano di 30 anni, Harpreet Singh, con l’accusa di lesioni aggravate, per aver sfregiato e ferito gravemente, con una bottiglia di vetro, il volto di un marocchino 41enne. Nella mattinata di ieri, il Tribunale di Lecce ha convalidato l’arresto ed il cittadino indiano ora dovrà scontare in carcere la pena di due anni ed 8 mesi. Intanto i poliziotti della Divisione immigrazione della Questura di Lecce hanno avviato la procedura finalizzata all’espulsione dall’Italia del cittadino indiano, risultato irregolare sul territorio nazionale, a cui si darà esecuzione non appena la condanna in carcere sarà completata. La lite scatenatasi domenica pomeriggio nel piazzale della stazione ferroviaria, a causa della gestione del parcheggio abusivo, ha puntato l’attenzione della Questura sull’attività dei parcheggiatori in stazione ma anche in altre zone a rischio della città.

Proprio questa mattina gli agenti della Questura hanno identificato un cittadino nigeriano, un 30enne, mentre svolgeva abusivamente l’attività in Piazzetta Bottazzi, nei pressi dell’ex ospedale “Vito Fazzi”.

Il nigeriano è risultato privo di permesso di soggiorno: per questa ragione, i poliziotti della Divisione immigrazione della Questura di Lecce hanno attivato la procedura per l’espulsione con accompagnamento al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Potenza, da dove sarà trasferito in Nigeria non appena la procedura amministrativa con l’ambasciata sarà terminata.

Sempre nell’ambito del servizio di controllo del territorio ad “alto impatto” sono stati effettuati due altri controlli amministrativi presso altrettanti esercizi commerciali, un minimarket di Via Dalmazio Birago ed un automarket di Via Calasso, entrambi risultati irregolari con la normativa igienico-sanitario e per questo sottoposti ad approfondimenti amministrativi.