Valorizzazione patrimonio storico-artistico, protocollo tra Comune e Accademia di Belle Arti
venerdì 21 settembre 2018

Siglato l’accordo tra il Comune di Lecce e l'Accademia di Belle Arti di Lecce finalizzato a promuovere un'azione organica e sistematica di conoscenza e valorizzazione del cospicuo patrimonio storico-artistico del territorio.

Implementare la fruizione del patrimonio materiale e immateriale della città, salvaguardare l'identità locale, valorizzare i contesti urbani e promuovere sviluppo culturale e sociale sono obiettivi che i firmatari perseguiranno attraverso la programmazione, la progettazione e la realizzazione di iniziative e attività.

Tra le principali azioni da perseguire con il Protocollo: la progettazione e realizzazione di iniziative e attività all’interno della programmazione regionale, nazionale e comunitaria in tema di valorizzazione e fruizione dei beni culturali e ambientali della città di Lecce e lo sviluppo  di strategie di programmazione economica che favoriscano, attraverso una metodologia culturale e pedagogica, laboratori di urbanità, capaci di concepire una organizzazione della cultura di partecipazione e di prossimità;

Per l'attuazione del Protocollo, che ha la durata di 3 anni, sarà costituita un'apposita commissione composta da 4 membri, che si incontreranno periodicamente. I membri della Commissione non percepiranno alcun compenso né gettone di presenza.

“Con il protocollo d'intesa tra Comune e Accademia si suggella una collaborazione tra due importanti istituzioni della città - dichiara il sindaco Carlo Salvemini – Fare rete, mettere a valore le conoscenze e le ricchezze del territorio, definire una via di lavoro comune: sono questi i principali obiettivi che si prefigge questo protocollo attraverso il quale siamo certi di poter costruire negli anni occasioni di confronto e di crescita culturale e sociale per la città".

“Le Accademie di Belle Arti, fin dal loro momento istitutivo, non sono mai state solo scuole ma sono state, da sempre, istituzioni culturali a tutto tondo e luogo di dibattito culturale ed artistico – dichiara Andrea Rollo, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Lecce – Il loro patrimonio è stato ed è sempre, prima di tutto, la contemporaneità: è il farsi della loro storia e della storia del territorio, il patrimonio materiale ed immateriale dei docenti, degli studenti, degli artisti e degli intellettuali che in quello spazio hanno vissuto e vivono con le loro azioni di didattica disciplinare e di didattica pubblica, purché esse si aprano al territorio, alla città, e la coinvolgano contribuendo a cambiarla. L'Accademia di Belle Arti di Lecce, anche grazie alla firma di questo protocollo ed alla collaborazione con il Comune, è proiettata in una dimensione didattica e formativa caratterizzata dal decentramento delle attività artistiche e di ricerca, programmando la creazione di laboratori di urbanità nella delocalizzazione di momenti didattico-laboratoriali, mediante l'utilizzo di nuovi contenitori culturali ed espositivi con l'auspicio di poter così creare le condizioni per una diversa fruizione del patrimonio storico-artistico della città attraverso momenti di allestimento degli spazi storico/urbani, che tengano conto del ruolo fondamentale dell'esperienza del cittadino e della sua consapevole percezione e partecipazione nella fruizione del bene comune”.