Fideiussione e rischio penalità, l'Us Lecce chiarisce: "Già dato mandato ad un altro istituto"
venerdì 31 agosto 2018
Il comunicato diramato ieri dalla FIGC ha messo in allarme i tifosi. 

Sul caso fideiussione l'Us Lecce ha precisato di "aver provveduto a dar mandato ad altro istituto di assoluta affidabilità al fine di provvedere al rilascio della fideiussione sostitutiva  anticipando i termini previsti dalla stessa Federazione".

La FIGC aveva diramato nel primo pomeriggio di ieri un comunicato ufficiale nel quale elencava i club professionistici privi di regolare garanzia fideiussoria per l’iscrizione ai rispettivi campionati: tra i nomi c'era proprio il Lecce. Il club di via Costadura è, assieme al Palermo, l’unico di Serie B redarguito dal firmatario Roberto Fabbricini, il quale ha dato tempo a giallorossi, rosanero e alle 10 di C fino al 28 settembre per regolarizzare il tutto.

Le società avevano adempiuto al deposito della fideiussione potendo contare sulle garanzie rilasciate dalla Finworld S.p.A., società finanziaria che, per la Figc, è “soggetto non legittimato ai sensi della normativa statale vigente”, motivo per cui sono state rifiutate le garanzie. Da Via Costadura trapela comunque fiducia sul fatto che la vicenda si risolva nel più veloce e tranquillo dei modi per evitare quella che sarebbe la sanzione federale, ovvero l’ammenda di 800mila euro con annessi otto, pesantissimi, punti di penalità.

Fonte: SalentoSport.net