Al "Via del Mare" riflettori accesi su Lecce-Roma
venerdì 4 marzo 2011
Mesbah sottolinea il buon momento della squadra in vista di un nuovo esame venerdì sera (alle 20.45) contro i capitolini: “Sarà la Roma a doversi preoccupare di noi” 
 
Al “Via del Mare” venerdì sera si accendono i riflettori per Lecce-Roma. Sarà l'anticipo della serie A richiesto dai capitolini per gli impegni di Champions League e per i giallorossi di Gigi De Canio sarà un'altra tappa importante per avvicinarsi alla soglia della salvezza nel campionato più bello del mondo. I salentini giungono all'appuntamento motivati, galvanizzati dalla doppia rimonta per il pari prezioso di Brescia e forti della propria identità di “battaglieri” e attivi nella costruzione del gioco. C'è un dato importante che alimenta la fiducia sull'organico di Rosati e soci: da ben 9 partite  vanno sempre a segno e sono riusciti a collezionare 3 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte contro le siciliane (Palermo e Catania) vittoriose di rimonta. Una continuità di rendimento e di risultati partita dopo il doloroso ko interno nel derby al “Via del Mare”.
E Djamel Mesbah (nella foto), l'algerino reduce dal mondiale, è ritornato in settimana a suonare la carica dopo Brescia. “Sono contento per questo punto ottenuto domenica, dobbiamo continuare così perché venerdì ci aspetta una gara importante -afferma l'esterno africano-. Le due gare consecutive in casa contro Roma e Bologna? Dobbiamo pensare gara per gara e venerdì ci aspetta un confronto difficile perché la squadra romana dispone di giocatori di qualità nel reparto avanzato. Nelle gare contro le grandi abbiamo sempre fornito delle buone prestazioni in casa e per questo dico che, magari, sarà la Roma a dover preoccuparsi di noi”. E non si tira indietro nella corsa all'obiettivo della salvezza: “Quanti punti mancano per la salvezza? Secondo me ci sarà da lottare fino all’ultima giornata -assicura Mesbah-. Non dobbiamo fare calcoli, ma cercare di vincere quante più gare possibile, soprattutto in casa. Ricordo la gara d’andata a Roma, disputammo una buona prestazione, riuscimmo a costruire diverse occasioni da rete, poi ci condannarono gli episodi. La partita d’andata, però, non fa testo, ora è un altro Lecce, un altro momento della stagione e anche la Roma è diversa, avendo cambiato guida tecnica”.
Dopo la gestione-Ranieri, i capitolini si presentano nel Salento con in panchina l' ”aeroplanino” Montella. Ma i salentini sanno che ci sarà sempre da lottare. “Un altro duro confronto contro la Roma -ha commentato il difensore Giulio Donati-. Sarà priva di Totti e Pizzaro? Loro sono due ottimi calciatori, ma visto l’organico la Roma non avrà problemi a rimpiazzarli. La squadra di Montella attraversa un periodo così e così, ma rimane una grandissima squadra da prendere con attenzione e concentrazione”. Il Lecce non sottovaluta nessuno. È concentrato ed appare umile. Piace già in partenza, perchè, seppur tra tanti limiti, ha voglia di emergere.  
 
Pasquale Marzotta