Turista aggredito a Nardò, opposizione incalza: "Il comandante chiarisca in commissione"
mercoledì 4 luglio 2018
La denuncia di un giovane turista ha sollevato molte polemiche in città e un coro di accuse sui social.  

“La nostra non è una comunità né mafiosa, né omertosa, Convocheremo in commissione controllo il comandante dei vigili urbani per fare piena luce sull'accaduto”. Fa ancora discutere a Nardò la vicenda del giovane turista che ha denunciato pubblicamente di essere stato aggredito nel parcheggio del supermercato “Posto di blocco” dopo aver protestato a favore di un cane – a suo dire- maltrattato e di non aver ricevuto adeguata risposta dalla polizia locale quando ha richiesto un intervento.

La Polizia Locale di Nardò ha già rassicurato sulle buone condizioni dell'animale, ciò che è accaduto durante il diverbio tra i gestori e il giovane turista è, invece, oggetto di indagine.

“La risonanza mediatica che sta riscuotendo questa brutta storia e le gravi dichiarazioni pubblicamente riportate sul profilo Facebook del ragazzo in questione, impongono l’obbligo di un approfondimento doveroso da parte dell’amministrazione comunale in merito alle presunte responsabilità del corpo di polizia municipale - scrivono in una nota i consiglieri di opposizione Lorenzo Siciliano, Roberto My, Daniele Piccione, Giancarlo Marinaci e Carlo Falangone - per questo convocheremo la commissione di controllo e garanzia chiedendo l’audizione del Comandante del corpo di polizia municipale che dovrà relazionare su tutto ciò che è accaduto e sulle molteplici inadempienze del comando stesso, derivanti, come è noto, dall’esiguo numero di agenti impegnati nel controllo del territorio.
La seduta di commissione sarà l’occasione, dunque, per fare il punto sulle diverse criticità vissute dal settore della polizia locale, per le quali da tempo chiediamo alla Giunta soluzioni adeguate. Come l’aumento del numero di unità, i diversi e molto spesso inutili dinieghi alle richieste di occupazione di suolo pubblico provenienti dalle attività commerciali, il controllo degli stalli a pagamento nelle marine, distogliendo dalle funzioni fondamentali il personale del corpo di PM. Quest’ultimo aspetto, è bene ricordarlo, è correlato alla scellerata decisione del Sindaco e della sua Giunta di mandare a casa gli operatori ausiliari del traffico. Una decisione che, visti i risultati, si è dimostrata profondamente fallimentare”.

Intanto la polemica innescata su Facebook continua a rimbalzare in tutta Italia e in molti lasciano commenti negativi e insulti sulla pagina del Comune di Nardò.