Rischio zero derby per il Lecce. Bari e Foggia a un passo dal baratro
sabato 23 giugno 2018

Le due pugliesi sono attese da un inizio di estate di fuoco. Pericolo fallimento anche per il Cesena.

La nuova Serie B, la cui lista dei partecipanti sembrava essere stata chiusa dalla promozione del Cosenza in seguito alla vittoria dei playoff di C, potrebbe essere riscritta dalla giustizia sportiva. Sono infatti al vaglio di procura federale e relativi tribunali le situazioni inerenti Bari, Foggia e Cesena, che a questo punto rischiano seriamente di non poter prendere parte al prossimo campionato cadetto.

Particolarmente critica appare la situazione del Foggia, per cui il pm ha ufficialmente chiesto la retrocessione in Serie C a causa di inadempienze relative ad alcuni pagamenti (a tutti gli effetti avvenuti a nero) delle precedenti stagioni di terza serie. Vicenda nella quale sono state coinvolte 39 persone tra dirigenti, staff tecnico e calciatori, tutti deferiti compreso Mino Chiricò, fresco di firma per il Lecce ma la cui posizione è congelata proprio in attesa dell’evoluzione della vicenda sopra descritta. Per motivi diversi ma ugualmente delicata sarebbe la posizione del Bari, che tra debiti e ricapitalizzazioni non avvenute si trova ad avere a che fare con un rosso in bilancio che rischia di comprometterne l’imminente iscrizione alla B 2018/2019. La situazione dei Galletti, costretti a salutare circa metà della rosa mister Fabio Grosso compreso e a pagare gli stipendi arretrati, è disperata, e decisivi saranno i prossimi sei giorni. Alla luce di ciò, il rischio che il Lecce non disputi alcun derby pugliese nell’anno del suo ritorno tra i cadetti è altissimo.

Come il Bari, sebbene con sfumature diverse, anche il Cesena ha a che fare con una situazione economica complicata, che rischia di poter sfociare nel fallimento del club romagnolo che ne impedirebbe di conseguenza la partecipazione alla prossima Serie B. Categoria che rischia di poter riabbracciare invece il Parma, le cui sorti sono appese (come per il Foggia) alle decisioni della giustizia sportiva, che sta valutando il grado dell’eventuale illecito commesso da alcuni tesserati crociati prima del match dell’ultimo turno con lo Spezia. Alla finestra c’è il Palermo, pronto a richiedere il ripescaggio in Serie A in caso di condanna degli emiliani. Le certezze sono poche, tranne una: sarà un’estate di fuoco per la Serie B.

Fonte: Salentosport.net