La Finanza compie 244 anni: il bilancio degli ultimi 17 mesi di attività in Puglia
venerdì 22 giugno 2018

Oggi la cerimonia per celebrare l’anniversario della fondazione del Corpo. Alcuni dei numeri principali dell’attività degli ultimi mesi di lavoro.

Le Fiamme Gialle della Regione Puglia hanno celebrato oggi, 22 giugno, il 244° Anniversario di Fondazione del Corpo.

La cerimonia, presieduta dal comandante Regionale - Generale di divisione Vito Augelli, si è svolta all’interno della caserma “M.A.V.M. Giovanni Macchi”, storica sede del Comando Regionale Puglia, alla presenza delle massime Autorità civili e militari del Capoluogo e vi ha preso parte una rappresentanza di Finanzieri in servizio nei Reparti alla sede.

Come ogni anno, l’Anniversario costituisce anche un momento di riflessione, tracciando un bilancio del lavoro svolto nel periodo gennaio 2017 - maggio 2018. Le direttrici lungo le quali si stanno sviluppando le attività operative dei Reparti sono tese a indirizzare l’azione di contrasto verso i fenomeni più gravi ed insidiosi; privilegiare strategie investigative trasversali; aggredire sistematicamente i patrimoni dei soggetti dediti ad attività criminose; contrastare, in particolare nella nostra Regione, i traffici illeciti via mare, attraverso un dispositivo d’intervento che integra le diverse componenti (territoriale, investigativa e aeronavale) del Corpo.

Anche per l’anno in corso è quindi stato confermato l’impegno del Comando Regionale Puglia della Guardia di Finanza nella lotta ai fenomeni di criminalità economico-finanziaria più diffusi e dannosi. In particolare, tra i risultati più importanti sequestri e confische per 100 milioni di euro (8 milioni solo a Lecce) ai danni di grandi evasori: schivavano il fisco con fatture false e soldi all’estero.

Importante la caccia anche a corrotti e corruttori: 56 le persone (3 a Lecce) in manette. E ancora, appalti “truccati” per 131 milioni euro, di cui 12 a Lecce. Per quanto riguarda i traffici, arrestati in 363 (60 a Lecce) tra narcotrafficanti e scafisti che sfruttavano il business della migrazione; 90 i milioni di euro (8 a Lecce) di sequestri e confische alle “mafie”. 18 milioni di euro (6 a Lecce) intercettati dalle Fiamme gialle come riciclaggio di denaro sporco di evasori, corrotti e mafiosi.