Bar, ristoranti e b&b non in regola: migliaia di euro di multe a Gallipoli
sabato 16 giugno 2018
Condizioni igienico-sanitarie non in regola, mancata esposizione di licenze: le attività del Commissariato di Gallipoli hanno portato a galla diverse irregolarità.

Infrazioni per migliaia di euro. Personale della Squadra Amministrativa del Commissariato di P.S. di Gallipoli, negli ultimi tre mesi, ed in prossimità della stagione estiva ha intensificato l’attività di controllo delle strutture ricettive, bar, ristoranti, b&b, al fine di verificare il rispetto di norme e prescrizioni.

Sono state riscontrate complessivamente 11 infrazioni.
Tra quelle più frequenti, la mancata esposizione di autorizzazioni e licenze, la mancanza del cartello indicante l’ orario di apertura e chiusura , la mancanza dell’apparecchiatura per la rilevazione del tasso alcolemico, l’occupazione abusiva del suolo pubblico con tavoli, sedie e attrezzatura varia.

Sono stati inoltre effettuati attenti controlli di polizia amministrativa, al fine di accertare il rispetto delle condizioni igienico- sanitarie degli alimenti somministrati agli avventori, ed in due esercizi commerciali, è stato riscontrato , che vi erano prodotti surgelati privi di etichettatura e di data di scadenza, ed a ognuno è stata elevata una sanzione pecuniaria di 3.166,67 euro.

In due bar, era stato omesso di predisporre le procedure di autocontrollo basate sul principio di HACCP, infatti erano privi sia del piano di autocontrollo, che delle schede applicative, ad ogni titolare è stata contestata una sanzione, che può essere estinta mediante il pagamento in misura ridotta della somma di 2000,00 euro.

Per contrastare il gioco illegale, infine, sono stati eseguiti controlli presso Centri di Raccolta Scommesse e Circoli Privati, in collaborazione con il personale dell’ Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, provvedendo a denunciare l’ esercente di un Centro Scommesse per il reato di esercizio abusivo delle scommesse, in quanto privo di qualsiasi licenza e la raccolta delle scommesse era gestita in assenza della prevista autorizzazione. Nel medesimo locale, è stato effettuato il sequestro di 13 computer e 9 stampanti. Al titolare sono state elevate sanzioni amministrative per un importo di 16.666,67 euro.

Il controllo presso un circolo privato ha portato al sequestro di due apparecchi multi-gioco, privi di codice identificativo e del certificato di conformità. Al titolare è stata elevata una sanzione amministrativa di 2.666,66 euro.