L'ambasciatore albanese in visita al Conservatorio di Lecce: al via la cooperazione culturale
martedì 15 maggio 2018

Questa mattina la visita istituzionale dell'ambasciatore albanese in Italia Anila Bitri Lani.

Un gemellaggio tra Italia e Albania nel nome di Tito Schipa. Questa mattina l'ambasciatore albanese in Italia Anila Bitri Lani ha fatto visita al Conservatorio di Lecce: un incontro che ha sancito l'inizio di una cooperazione volta a promuovere la cultura musicale italiana e balcanica.

“L'occasione dell'incontro con l'ambasciatore Lani sono le origini balcaniche di Tito Schipa. - ha detto Biagio marzo, presidente del conservatorio leccese - In Italia vivono un milione di albanesi, in Puglia 350mila, e 3mila solo a Lecce; 150mila italiani vanno per turismo in Albania, mentre 50mila ci lavorano stabilmente. Il legame che unisce Puglia e Albania è strettissimo. L'importanza di questo incontro sta nel formulare un progetto, nato molto spontaneamente, tra la cultura pugliese e le istituzioni albanesi. Vogliamo creare una cooperazione che coinvolga uomini e cultura: su questo punto crediamo che da oggi, con la presenza dell'ambasciatore, si posta avviare una fruttuosa cooperazione.”

“L'idea di una cooperazione artistica – ha spiegato l'ambasciatore albanese Anila Bitri Lani - segna un momento molto importante perchè significa che sono state superate le fasi di assistenza, sostegno logistico, cooperazione per interventi umanitari. L'idea di promuovere questa dimensione di cooperazione è stata ben accolta da parte nostra. Il fatto che ci sia un artista che supera le dimensionbi italiane, arbëresh , albanese e lo promuove a livello internazionale significa che abbiamo già avuto prodotti che si sono progettati a livello internazionale oltre le nostre esperienze storiche e sociali. Il ponte tra Puglia e Albania si apre all'attraversamento di valori culturali e musicali. Adesso il nostro obiettivo comune è strutturare quel tipo di relazioni tramite accordi che si traducano in un protocollo di operazioni concreto, di cose con dati e fatti. Data la facilità di scambio online, si potrebbe anche condividere i programmi tra questo istituto e il Conservatorio del “Bel Canto” a tirana”.