Oltre mille ricci pescati nella riserva, multa da 4mila euro
martedì 13 marzo 2018

A Porto Cesareo, trovati anche 12 chili di calamari in una rete appesa nelle acque del porto.

Li hanno sorpresi mentre uscivano dall’acqua, e così è scattata la sanzione. I militari dell’Ufficio Locale Marittimo di San Foca e quelli di San Cataldo dopo una serie di appostamenti alle Cesine, hanno sorpreso alcuni pescatori subacquei, sprovvisti di autorizzazione, con un numero di ricci di gran lunga superiore a quello che la normativa di settore prevede per i pescatori sportivi. Al termine delle operazioni i militari hanno posto sotto sequestro circa 1.300 esemplari di echinodermi insieme all’attrezzatura subacquea utilizzata per la raccolta (per un valore di circa 2mila euro). Ai trasgressori è stata elevata una sanzione amministrativa pari a 4mila euro. Gli echinodermi sequestrati sono stati rigettati in mare. Sull’altro versante della penisola salentina, i militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Torre Cesarea, hanno trovato, immersa nelle acque del porto, una rete con all’interno circa 12 kg di calamari. I militari, insieme al personale sanitario hanno proceduto al sequestro e alla distruzione del prodotto ittico.