Rimborsi, Lezzi pubblica le carte: “Sempre trasparente. Domani gli ultimi due bonifici”
martedì 13 febbraio 2018

La senatrice grillina posta la documentazione che la scagionerebbe dalle accuse, rivelando solo un errore tecnico su un bonifico: da domani riprenderà la campagna elettorale. Diversa appare la situazione di Buccarella.

Barbara Lezzi torna a parlare dopo il caso rimborsopoli esploso all’interno del Movimento Cinque Stelle e che l’aveva fatta finire nel mirino delle critiche insieme al collega salentino, Maurizio Buccarella. La senatrice ha dato sul proprio profilo Facebook le spiegazioni del caso, spiegando di aver fatto delle verifiche e di aver riscontrato solo “un errore materiale subito sanato” non dovuto alla propria responsabilità ma a problemi tecnici.

Questo il post: “Dalle verifiche che ho svolto in banca, risulta un unico bonifico non andato a buon fine. In quei giorni del gennaio 2014 ho effettuato diversi versamenti di cui ho le ricevute, tutti allo sportello, (anche successivamente non sono stati mai eseguiti on line) e l'unica cosa che mi riconosco è la negligenza del non avere seguito l'esito delle operazioni. Esito che per un bonifico è negativo presumibilmente per carenza di fondi. In allegato posto ricevuta del bonifico che risulta rifiutato e la copia del versamento al fondo che ho provveduto ad eseguire questa mattina, appena venuta a conoscenza di questa discrepanza”.

“Ho restituito 132741,20 euro – aggiunge -, ho contribuito insieme ai miei colleghi all'apertura di 7000 nuove imprese. Questo è un fatto concreto che si evince dai controlli che ho effettuato. La mia buonafede mi rende tranquilla”.

E a chi le chiede conto dei bonifici restanti, quelli di novembre e dicembre, la Lezzi replica: “I bonifici di novembre e dicembre li faccio domani. Sto concludendo il rendiconto”.

Una dichiarazione che lascerebbe intendere, dunque, che la posizione della senatrice sarebbe in linea con quella dello staff grillino, tanto che già domani prenderà parte ad alcune partecipazioni televisive e anche all’inaugurazione del comitato elettorale del Movimento a Nardò, in via XX Settembre. Con lei ci sarà anche il consigliere regionale Cristian Casilli e altri candidati e portavoce.

Non dovrebbe esserci, invece, Maurizio Buccarella, la cui situazione sarebbe più complessa e per il quale rimarrebbe l’autosospensione. Il senatore uscente sembrerebbe aver annullato tutti gli eventi della campagna elettorale, segno di un possibile ritiro dalla competizione e di un’esclusione dal Movimento.