“La Pacciada” in ricordo di Brera: invitato il Comune di Uggiano la Chiesa
giovedì 14 dicembre 2017

All’evento parteciperanno giornalisti, scrittori, amici e compagni del noto giornalista, rappresentanze istituzionali della Regione Lombardia, della Provincia di Pavia e dei comuni del pavese.

Il Comune di Uggiano la Chiesa è tra gli ospiti d’onore de “La Pacciada”, organizzata dalla Pro Loco di Spessa (PV), il 18 dicembre 2017, alle ore 12.30, presso l’Azienda agricola del Commendatore Lino Maga a Broni.

Si tratta di un appuntamento importante, poiché quest’anno ricorre il 25esimo anniversario della morte di Gianni Brera, avvenuta il 19 dicembre 1992.

L’amministrazione comunale di Uggiano la Chiesa sarà presente con sua delegazione guidata dal Sindaco Salvatore Piconese, cha la scorsa estate ha organizzato la prima edizione del Festival dell’Arcimatto, evento interamente dedicato a Gianni Brera, promosso dal Comune di Uggiano la Chiesa, in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti di Puglia e con l’azienda vincola Menhir Salento.

La delegazione dell’Amministrazione comunale uggianese sarà ricevuta, lunedì mattina, dal Sindaco del Comune di San Zenone Po, città natale del noto giornalista e scrittore, per stringere un progetto di “gemellaggio culturale” tra le due comunità. Ci sarà poi la visita, dapprima, al museo cittadino dedicato a Gianni Brera e, poi, al cimitero comunale per deporre un mazzo di fiori sulla tomba del più grande giornalista sportivo del Novecento.

Infine, ci sarà il gran ritrovo a pranzo nella città di Broni, presso l’azienda vinicola di Lino Maga, storico vignaiolo e amico fraterno di Brera.

“È per noi un grande onore esser presenti a quest’iniziativa, nel pavese -il sindaco Salvatore Piconese-, in ricordo di Gianni Brera. Porteremo lì, in Lombardia, il nostro Festival dell’Arcimatto, ossia una manifestazione letteraria e culturale che, già alla sua prima edizione, ha avuto una risonanza mediatica in ambito nazionale. Un piccolo comune salentino, dell’estremo Sud Italia, dimostra che attraverso la cultura si può generare crescita e promozione territoriale. Per noi sarà, infatti, anche un modo per divulgare la bellezza, in tutti i sensi, del Salento in campo nazionale”.