Omicidio Noemi, il 17enne:"Voleva sterminare la mia famiglia". Rischiato linciaggio
giovedì 14 settembre 2017
Il giovane è stato interrogato a lungo in caserma a Specchia. 

“Noemi voleva sterminare la mia famiglia, per questo l'ho ammazzata”. Lo avrebbe detto il 17enne arrestato per l'omicidio durante il lungo interrogatorio davanti agli investigatori avvenuto ieri nella caserma di Specchia. durante l'interrogatorio avrebbe parlato di un coltello portato da casa dalla stessa Noemi e che poi lui avrebbe usato su di lei.
Il ragazzo è ora in stato di fermo per omicidio volontario e occultamento di cadavere confinato all'interno del carcere minorile in attesa della convalida. L'interrogatorio è finito a tarda ora: ad attendere il 17enne fuori dalla caserma di Specchia una folla di persone contenuta a stento dalle forze dell'ordine. Ad esacerbare gli animi l'atteggiamento sprezzante del giovane all'uscita: con un ghigno di sfida sul volto ha anche tentato di salutare i presenti con le mani prima di essere bloccato dai carabinieri.