Sedicenne scomparsa, oltre 100 uomini in campo. Scandagliata la relazione con il fidanzato
martedì 12 settembre 2017

Si cerca di capire cosa possa essere successo dopo che i due si sono separati davanti al campo sportivo di Alessano.

Ancora nessun indizio utile a favorire il ritrovamento di Noemi Durini, la ragazzina 16enne di Specchia allontanatasi da casa la mattina di domenica 3 settembre. Gli investigatori procedono per sequestro di persona e hanno voluto ascoltare in maniera dettagliata la ricostruzione dell’ultima persona che avrebbe visto la 16enne, cioè il fidanzato, originario di Montesardo. Per questo il ragazzo ieri sera è stato convocato in caserma a Tricase e ascoltato per diverso tempo. Si cerca di capire cosa possa essere successo dopo che i due si sono separati davanti al campo sportivo di Alessano, secondo quanto riferito dal giovane. Gli inquirenti vogliono verificare quanto siano stati importanti, nella scomparsa, i contrasti tra i due, che vivevano un rapporto travagliato, non sereno. Quello che dà da pensare è il modo in cui Noemi ha lasciato la casa dei genitori, senza portare con sé un ricambio o altri effetti personali, tra cui il cellulare, come se dovesse rientrare da un momento all’altro.

Il sindaco Rocco Pagliara ha chiesto la collaborazione di chiunque conosca dettagli per ritrovare la 16enne. Le ricerche procedono in maniera ampia, su buona parte del territorio del Basso Salento: impiegate oltre un centinaio di persone tra militari, specialisti dei vigili del fuoco del Nucleo speleo alpino fluviale con i cani molecolari in una zona ricca di cisterne, pozzi e casolari abbandonati.