"Premio Civetta": oggi a Castrì serata di premiazione
sabato 9 settembre 2017

Manifestazione giunta all’ottava edizione: tra i premiati il cantautore Bungaro e lo scrittore Luca Bianchini.

Sabato 9 settembre, ore 21, piazza dei Caduti, Castrì di Lecce: giorno, ora e luogo dell’ottava edizione del “Premio Civetta – Citta di Castrì”, iniziativa organizzata come ogni anno dalla locale amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione culturale “La Civetta”.

Nel corso della serata, condotta dal direttore artistico della manifestazione - il giornalista Rai Vito Bruno, nativo di Castrì - verranno infatti premiati con le preziose sculture del maestro Ferruccio Zilli personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo e dell’imprenditoria italiana distintisi “per le loro attività di elevato impegno culturale, sociale e di solidarietà svolte con professionalità, dedizione e generosità”.

Il prestigioso riconoscimento, quest’anno, verrà consegnato alla giornalista del Tg2 Adele Ammendola, volto noto del giornalismo televisivo italiano; a Stefano Tura, corrispondente Rai da Londra e scrittore; a Bungaro, cantante, paroliere e musicista di recente premiato per la colonna sonora del film “Perfetti sconosciuti”; a Luca Bianchini, scrittore e opinionista; ad Arianna D’Aloja, ufficio stampa Sony Music Italia e manager discografica; all’imprenditore Vito Mirko Greco; all’associazione “Nomeni per Antonio Montinaro” di Calimera, impegnata da anni a presidio della memoria dei caduti della strage di Capaci e della legalità.

La serata prevede inoltre un momento dedicato a Sergio Vantaggiato, giornalista salentino tragicamente scomparso a Parigi nel 2007, e la consegna della borsa di studio “Stefano Ingrosso” a Luca Letizia, miglior studente della scuola secondaria di primo grado di Castrì nell’anno scolastico 2016/17.

 “Il “Premio Civetta” è divenuto uno dei progetti culturali con cui il paese di Castrì di Lecce e le sue istituzioni intendono offrire al territorio un’occasione di riflessione e confronto sui temi culturali e sociali del nostro tempo”, spiegano a una sola voce il sindaco Andrea De Pascali e Franco Arigliani, presidente dell’associazione “La Civetta”.  “Premio Civetta”, quindi, come messaggio di speranza, simbolo del nostro impegno nell’essere paese del dialogo e dell’esempio che non si rassegna alla superficialità dei nostri giorni. E lo fa perché guarda al futuro e sente la responsabilità di misurarsi, di confrontarsi con le contraddizioni e dare il proprio contributo ai temi della cultura, della solidarietà, della legalità e dell’amore verso il prossimo”.

“Sono davvero onorato di ricevere questo premio”, commenta anche uno dei premiati, il cantautore Bungaro, “un riconoscimento prestigioso ricevuto dalla mia terra d’origine vale certamente il doppio”.