Allarme vespe in viale Grassi: uomo ricoverato in stato di shock anafilattico
sabato 2 luglio 2016
A Lecce un nido di vespe in un cassonetto degli abiti usati crea allarme: un uomo ricoverato in ospedale per le numerose punture.

Un nido di vespe in un cassonetto di vestiti usati ha creato non pochi problemi in via R. Cimino,  nei pressi del poligono di tiro su viale Grassi, a Lecce. Ieri sera, intorno alle 23, un cittadino è stato preso di mira dagli aggressivi insetti, tanto da dover ricorrere alle cure dei sanitari perchè in preda ad uno shock anafilattico. L'aggressione è avvenuta mentre tentava di portare i vestiti usati nel cassonetto. Dopo una notte in ospedale, stamattina il malcapitato ha contattato direttamente l'assessore Andrea Guido per raccontare l'accaduto. Sul posto, chiamato dall'assessore, si è recato il geometra della Lupiae servizi, che ha messo in sicurezza l'area. In serata sul posto arriverà invece un esperto per distruggere il favo. A differenza della api, le vespe - animali non protetti - in questi casi possono anche venire uccise per salvaguardare la sicurezza dei cittadini. Per intervenire però, come spiega lo stesso Andrea Guido, è necessario aspettare la sera, quando gli insetti fanno ritorno al favo.