Unioni civili, l'associazione salentina LeA: "Una vittoria, ma è una legge monca"
giovedì 12 maggio 2016
Gaia Barletta, dell'associazione salentina LeA - Liberamente e apertamente, commenta la nuova legge sulle unioni civili. Intanto continuano a Lecce le iniziative del Rainbowday.

Mentre a Lecce procedono le iniziative del Rainbowmay, che si concuderanno con la grande festa di domenica 15 maggio del Rainbowday, arriva la notizia del varo della legge sulle unioni civili. Una vittoria per il movimento Lgbtqi, e non solo, che garantisce per la prima volta in Italia i diritti delle coppie di fatto, etero ed omosessuali. Una legge fortemente contestata dai più conservatori, che finalmente allinea l'Italia ad un'Europa molto più avanti sul piano dei diritti civili.

"La legge sulle unioni civili approvata ieri alla Camera è un primo passo importantissimo per tutta la nostra nazione" commenta Gaia Barletta, dell'associazione LeA-Liberamente e Apertamente "una legge attesa da quarant'anni, che finalmente permetterá alle coppie omosessuali di essere riconosciute dallo Stato italiano, che non sará piú del tutto fanalino di coda in Europa. Questa però è una legge monca di una parte importantissima" aggiunge, l"a stepchild adoption, ossia la possibilitá di adottare il figlio biologico del partner. Tanti bambini e tante bambine, figli di famiglie arcobaleno, sono ancora figli di serie b per la nostra nazione, ed è per loro che continueremo la nostra battaglia per il matrimonio egualitario e per l'estensione dell'adozione alle persone omosessuali."

Le associazioni hanno allora una ragione in più per festeggiare, dunque, senza però dimenticare che, spiegano "è sempre la stagione dell’attivismo, ed ogni giorno bisogna celebrare la diversità e la sua bellezza, e combattere contro ogni forma di violenza e discriminazione, così come rivendicare insieme i diritti delle persone LGBTQI" Proprio per questo domenica 15 Maggio, per celebrare la giornata internazionale contro l'omo/bi/transfobia, torna a Lecce il Rainbowday, la grande festa diffusa in città fra musica live, estemporanee d'arte, artisti di strada, giochi e proiezioni torna a Lecce per il suo terzo anno consecutivo. 

La festa finale sarò alla Masseria Ospitale con il dj set di Tobia Lamare.