Turismo selvaggio a Nardò: il sagrato della chiesa usato come bagno pubblico. Lo sfogo di Mellone
venerdì 14 agosto 2015
A Nardò quattro turiste orinano sul sagrato della chiesa. Lo sfogo del consigliere Pippi Mellone: "Per questa gentaglia non c'è spazio nella nostra città".

Il turismo selvaggio e incontrollato finisce per travolgere anche Nardò. Dopo il "caso Gallipoli", un altro Comune del Salento fa i conti con i turisti poco rispettosi del luogo di cui sono ospiti. Questa volta le protagoniste sono 4 donne in visita alla cittadina che, evidentemente in stato di ebbrezza alcolica, hanno pensato bene di usare il sagrato della Chiesa del Carmine come bagno pubblico. A denunciare l'accaduto il consigliere comunale di Andare Oltre Pippi Mellone, che affida a Facebook il suo sfogo:
 
"Queste quattro deficienti hanno appena finito di orinare sul sagrato della Chiesa del Carmine" spiega senza mezzi termini sulla sua pagina "Con la massima disinvoltura mentre canticchiavano ubriache. Non si capiva cosa stessero facendo perché le prime 3 la coprivano e le facevano da scudo canticchiando per coprire il rumore... Finché non siamo andati sul posto ad appurare non ci volevamo credere..."

"Ora" continua "a parte la problematica evidente della mancanza dei bagni pubblici, è da notare come i turisti stile Gallipoli abbiano ormai invaso la nostra Terra. Per questa gentaglia non c'è spazio nella nostra città" conclude infuriato. "Tornatevene a casa vostra, porci!"