Alba Service, la protesta continua: lavoratori a Bari per chiedere garanzie sul futuro
mercoledì 18 febbraio 2015

I lavoratori della società partecipata della Provincia di Lecce parteciperanno domani alla seduta in Regione Puglia, in cui si discuterà dell’attuazione della legge Delrio: “Vogliamo far sentire la nostra voce fino a che non saranno date soluzioni certe”.

I lavoratori di Alba Service Spa (società partecipata della Provincia di Lecce) a Bari prenderanno parte alla riunione dell’osservatorio regionale per l’attuazione della legge Delrio: nella giornata di giovedì 19 febbraio, saranno presenti presso la sede della Regione Puglia a Bari, in occasione della seduta, in cui si tratteranno specificamente le tematiche relative a Palazzo dei Celestini.

I lavoratori fanno sapere di voler presenziare per sollecitare tutte le parti sociali ed in particolare i consiglieri regionali di ogni schieramento, affinché pongano attenzione al percorso attuativo della normativa con “i fatti e non con le parole – chiariscono -, visto che i ritardi e i rimpalli finora tenuti, alcuni di evidente tenore propagandistico, hanno messo in seria difficoltà l'intera struttura societaria e, soprattutto, i lavoratori e le loro famiglie”.

I lavoratori ricordano come Alba Service sia “società di interesse generale” che svolge “compiti e servizi essenziali a favore della comunità salentina”. La richiesta, pertanto, è quella di immediate garanzie occupazionali anche per il futuro, visto che i tempi della politica mal si conciliano con le necessità quotidiane dei lavoratori e delle 130 famiglie coinvolte.

“Nel mentre si respinge qualsiasi tentativo di strumentalizzare la nostra protesta, da qualsivoglia parte politica proveniente – aggiungono -, tenuto conto anche del prossimo momento elettorale, si rivendica la ferma volontà di far sentire la propria voce, fino a che non siano date soluzioni certe e definitive alla condizione occupazionale”.

I lavoratori sentono di non poter più tollerare l'incertezza e i ritardi nei pagamenti per le prestazioni eseguite dalla società e fin da oggi manifestano la decisa intenzione di tenere alto il livello di agitazione, vista l'esasperazione e la disperazione in cui versano insieme alle loro famiglie. Al fine di evitare esiti negativi e imprevedibili della protesta, si invitano tutte le forze politiche a presenziare ai momenti di protesta per confrontarsi con i lavoratori e trovare definitive e repentine soluzioni.