Emergenza casa, il Pd: "Subito un piano straordinario per i senzatetto"
martedì 4 febbraio 2014
Conferenza stampa del Pd leccese sull'emergenza casa: "L'amministrazione si occupi dei senzatetto, basta con la pubblicità del giorno dopo".

"Chiediamo che l'amministrazione vari un piano straordinario per i senzatetto della città". Anche il Pd, con una conferenza stampa a Palazzo Carafa, dice la propria sulla questione "casa" e lo fa chiedendo un intervento immediato per le situazioni di estremo disagio.

Il capogruppo Paolo Foresio con l'intero gruppo consiliare ha dapprima stigmatizzato la gestione della giunta Perrone, per poi richiedere un provvedimento urgente per chi non ha una casa. "Ci aspettavamo che il sindaco chiedesse scusa - ha detto Foresio - e non credevamo che avrebbe convocato una conferenza stampa su questo tema nel giorno dei funerali dei due clochard. E' stata un'iniziativa per noi fuori luogo. Bisogna essere chiari: c'è stato un indirizzo preciso sull'emergenza casa che da 20 anni a questa parte ha prodotto risultati come quelli che abbiamo visto in questi giorni. Gli 8 milioni di euro per il piano casa sono stati utilizzati per le cave di marco vito; in altri Comuni, invece, con quei soldi ci hanno costruito case popolari. Chiediamo un piano straordinario per i senzatetto da predisporre con urgenza. Basta pubblicità del giorno dopo, quando le tragedie sono già accadute".

"Non sono intervenuta fino ad oggi - ha spiegato la consigliera Paola Leucci - per rispetto delle due persone morte. Ma è arrivato il momento di occuparsi di queste situazioni di disagio. Ci sono persone che dormono per strada e non capisco come il Comune non possa aiutarle. C'è una crisi che ha riditto sul lastrico tante famiglie. Ora, vorrei chiedere al sindaco: come facciamo a risolvere il problema degli affitti? I bisogni delle persone non aspettano. E' necessario agire subito perché c'è gente che sta morendo di fame".

Il consigliere Antonio Torricelli ha invece chiesto alla maggioranza di non alzare il tono: "C'è un dato sotto gli occhi di tutti: si stanno alzando i toni della polemica. Un giorno si spara contro la Regione per legge emergenza abitativa; poi si attacca per contributi servizi
trasporti; poi per la vicenda della raccolta differenziata. Ma i fatti smentiscono ampiamente queste polemiche strumentali. Se vogliamo possiamo alzare tono, ma non credo convenga a nessuno. Da una parte vediamo che non c'è un alloggio parcheggio in città; dall'altra però ci sono beni confiscati alla mafia, almeno una trentina, e si ha il coraggio di parlare di emergenza casa. Spero che si riacquisti la serenità e si spenga il clima da campagna elettorale che è in corso".