Fuori mercato, Salvemini vs De Cristofaro, modera Giliberti
sabato 21 dicembre 2013
Un incontro-scontro tra due simboli della destra e della sinistra salentina le cui posizioni, politicamente agli antipodi, qualche volta hanno finito per coincidere.

Uno è stato il volto della Destra salentina per eccellenza, tra i pochi a non fare concessioni alla vecchia An, quando decise di moderarsi ed oggi impegnato nel rilancio dlela destra sociale. L'altro è invece invece il volto cittadino di una sinistra per certi versi radical, che piace e fa opinione ma che non riesce a smuovere il potere del centrodestra, saldo al governo del capoluogo da quasi ventanni.

I protagonisti di questo incontro-dibattito tutto politico che ha movimentato l'atmosfera prenatalizia della città, quasi interamente monopolizzata da eventi di spettacolo e solidarietà, sono Mario De Cristofaro e Carlo Salvemini, ospiti di "Fuori Mercato", atto primo di una riflessione politica sui conenuti, che andasse oltre le logiche forzate della campagna elettorale, organizzata dal giornalista Giorgio Demetrio, che ha avuto come moderatore e interlocuore d'eccezione Mauro Giliberti, volto salentino di "Porta a Porta" ed ex direttore di Trnews. 

Per il pubblico, decisamente misto, dell'incontro, i temi all'ordine del giorno: primo tra tutti la protesta dei Forconi, ad ormai tre settimane di code e presidi di un'Italia che in strada non si era mai vista. Ma si è parlato anche di elezioni, governo, pensioni. Più che stimoli, quasi dei pretesti per fare emergere i rispettivi punti di vista sulla politica, l'economia, l'Italia in Europa e ovviamente il Salento.

Con una chicca finale che fa sorridere ma forse non sorprende più di tanto. Alla domanda: "Si candidarebbe alle primarie per il Comune contro un renziano?" Carlo Salvemini risponde "perché no". "Ed io lo voterei", commenta De Cristofaro. "E probabilmente non solo alle primarie".