"Save the Coast": da Lecce un progetto per combattere l'erosione costiera
martedì 3 dicembre 2013
Nasce "Save the Coast" un progetto del Comune di Lecce, che punta a risolvere il problema dell'erosione costiera. Una serie di interventi da Brindisi a Otranto, per rilanciare la costa adriatica anche a livello turistico. L'assessore Messuti: "Un progetto complesso e necessario".

Un progetto ambizioso, che si propone di intervenire in maniera effettiva sul fenomeno dell'erosione della costa adriatica, di rigenerarla, valorizzarla e promuoverla. Tutti questi sono obiettivi racchiusi nelle linee guida di "Save the Coast", un brand di progetto appena istituito dal Comune di Lecce, ma che mira alla collaborazione di un intero territorio.

Il problema, fino ad oggi, sono stati gli interventi limitati ad una sola località, che andavano irrimediabilmente a incidere in modo negativo su altri punti, a pochi chilometri di distanza. I tentativi di bloccare il fenomeno, infatti, hanno spesso presentato delle controindicazioni evidenti. Tuttavia, quello proposto dal progetto "Save the Coast" è un lavoro corale su tutta l'unità fisiografica di riferimento, vale a dire un grende e unico studio che prenda in considerazione il tratto di costa che va da Brindisi a Otranto. La cabina di regia, che avrà il delicato compito di coordinare e verificare gli interventi, sarà guidata dall'assessorato ai Lavori Pubblici e da quello alle Politiche Ambientali.

"Per adesso, questo è solo un primo passo, ma un passo importante verso la risoluzione di un problema complesso come quello dell'erosione costiera - ha spiegato l'assessore ai Lavori Pubblici Gaetano Messuti -. Il brand di progetto è aperto a tutti coloro che, come noi, intendono intraprendere un percorso in questa direzione. E, naturalmente, abbiamo bisogno del contributo di enti pubblici e gestori privati , perché sappiamo che c'è da lavorare alacremente".

E in buona sostanza, coinvolgere le amministrazioni e i gestori privati è uno dei primi punti all'ordine del giorno per il progetto "Save the Coast". Una volta firmato il protocollo d'intesa, si potranno indirizzare i fondi regionali e quelli del Ministero dell'Ambiente sulla realizzazione di un piano di fattibilità. Un'operazione sinergica, che va nella direzione del Piano Coste regionale e degli intendimenti del Ministero dell'Ambiente in materia, per la realizzazione di un progetto ampio. Progetto che, dovesse riscuotere successo, potrebbe essere "esportato" oltre i confini della nostra unità fisiografica.

agab