Accordo con la Regione per Lecce 2019: pronto il piano da 200 milioni
lunedì 2 dicembre 2013
Si è svolto questa mattina l'incontro tra Comune di Lecce e Regione Puglia per accordare il sotegno economico alla candidatura di Lecce 2019. Pronto il piano in due fasi che dovrebbe portare a Lecce più di 200 milioni di euro. Perrone: "Sono soddisfatto, ora bisogna fare in fretta".

"Sono molto soddisfatto; a questo punto la nostra diventa una candidatura regionale, una candidatura con un altro peso". Il sindaco di Lecce Paolo Perrone porta a Lecce ottime notizie e una buona dose di entusiasmo dopo l'incontro di questa mattina a Bari con il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola per la candidatura di Lecce a capitale europea della cultura 2019. 

A seguire il primo cittadino in questa trasferta delicata c'erano il direttore artistico di Lecce 2019 e il dirigente alle Politiche Comunitarie Raffaele Parlangeli; per la Regione, oltre al governatore, anche l'assessore alla Cultura Silvia Godelli, l'assessore allo Sviluppo Economico Loredana Capone, la vice presidente Angela Barbanente e il capo di Gabinetto Davide Pellegrino.

La strada che il Comune di Lecce è pronto a intraprendere con l'appoggio incondizionato di Via Capruzzi è costituito da due fasi: la prima più immediata, la seconda a lungo termine.
La prima di queste due tappe diventerà un sostegno fondamentale per i prossimi 10 mesi, quindi per l'elezione finale dell'anno prossimo, e si baserà sui fondi Poin destinati ad attività per la promozione del territorio. I finanziamenti dovrebbero essere superiori al milione di euro e, possibilmente, avvicinarsi ai 2 milioni.

La seconda tappa prevede che la città di Lecce catalizzi buona parte dei fondi possibili a disposizione per la valorizzazione del nostro territorio. Un' operazione che, a giudicare da quanto ipotizzato nel dossier di Lecce 2019, dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 milioni di euro. In buona sostanza, un programma finanziario che dovrebbe fungere da propulsore per il futuro turistico e culturale della città.

"Ora, formalizzato l'accordo - ha dichiarato il sindaco Perrone - la nostra necessità diventa il tempo. Realizzare una serie di progetti in tempi brevi può portarci ad essere davvero competitivi con i nostri concorrenti. Questa è la priorità, considerato che durante gli ultimi mesi le altre realtà non sono rimaste certo a guardare ".


agab