Servizi museali, la Provincia apre ai privati. Gabellone: "Risparmio di 93mila euro"
lunedì 18 novembre 2013
Questa mattina, la Provincia di Lecce ha approvato a maggioranza una delibera per esternalizzare parte dei servizi museali: 93mila euro all'anno risparmiati.

"Questo nuovo appalto è la logica conseguenza della volontà di rivedere la tipologia dei servizi offerti, ma anche la necessità di professionalizzare altri tipi di intervento".
Così, il presidente della Provincia Antonio Gabellone ha commentato la delibera riguardante il nuovo appalto sui servizi di custodia, vigilanza, fornt-office, accoglienza turistica e manodopera e allestimento delle mostre nei musei.

"In concreto - ha specificato Gabellone - alcune unità saranno ancora utilizzate, come  nel passato, per i servizi di guardiania e front-office, altre unità, invece, saranno riqualificate a vantaggio di nuovi servizi, come ad esempio quello di guida ed accompagnatore turistico, il tutto nell’ottica di una necessità attuale e di una rivalutazione della presenza del Museo provinciale nel tessuto culturale della città di Lecce”.

Il nuovo progetto prevede anche la presenza di una partenrship privata. La concessione a terzi di alcuni servizi che si svolgono normalmente negli immobili provinciali permetterò un risparmio annuo di oltre 93mila euro. A questa cifra ne va aggiunta un'altra: i 94mila euro di economie di spesa già individuate con la precedente progettazione. Si arriverà ad un risparmio complessivo per la Provincia di Lecce di oltre 187 mila euro.