Tap, Melendugno chiama, Pankiewicz risponde: “Fermiamo lo scempio”
martedì 15 ottobre 2013
Wojtek Pankiewicz, presidente di Valori e Rinnovamento: “Fermare l’ennesimo scempio ambientale nel territorio salentino. Accogliamo l’invito del Comune di Melendugno. La Regione Puglia intervenga e blocchi questo impattante, assurdo progetto”.

Valori e Rinnovamento si associa al Comune di Melendugno e al suo sindaco, Marco Potì sia nel chiedere alla Regione Puglia di esprimere con regolare delibera del Consiglio Regionale in modo chiaro e deciso il totale dissenso contro questo impattante e assurdo progetto, sia nell’invitare tutti i comuni della provincia di Lecce a condividere l'appello alla Regione con delibera dei Consigli Comunali.

“Occorre fermare subito questo ennesimo scempio ambientale nel territorio salentino, già troppo penalizzato dalle speculazioni eoliche e fotovoltaiche” ha dichiarato Pankiewicz. “E’ giunto il momento di dire basta con tutta la forza possibile. Siamo il Movimento del Sole e delle Ali Azzurre e saremo al fianco dei Comuni di Melendugno e Vernole e dei Comitati No Tap per bloccare questo ulteriore attacco al nostro bellissimo territorio, già invaso da distese di pannelli fotovoltaici e da megatorri eoliche. Basta devastazione del nostro stupendo paesaggio marino e rurale, basta degrado ambientale. Salviamo il salvabile non solo nel rispetto della vocazione turistica del nostro territorio, ma anche al fine di consentire alle future generazioni di godere delle bellezze paesaggistiche e di elevata qualità della vita, nonché degli aspetti culturali e identitari del meraviglioso territorio leccese”.