Barrozzino, l'operaio coraggioso, con Sel in visita a Lecce
sabato 16 febbraio 2013
Giovanni Barrozzino, uno degli operai Fiat di Melfi licenziati da Marchionne, è capolista Sel in Basilicata. Ieri era a Lecce con la candidata pugliese Sonia Pellizzari

Nella battaglia degli operai contro la Fiat di Marchionne, Giovanni Barrozzino è stato senz'altro uno dei protagonisti. Capolista di Sel al Senato nella regione Basilicata, Barrozzino è stato ospite del comitato elettorale leccese del partito di Nichi Vendola al fianco di Sonia Pellizzari, anche lei candidata nelle file di Sel, al settimo posto della lista pugliese per la Camera, insime ai segretari del circolo leccese e provinciale, Antonio Montillo e Anna Cordella.
Quella di Barrozzino è storia recente: operaio dello stabilimento di Melfi, nel 2010 fu accusato e licenziato, insieme ad altri due operai, rappresenti Fiom, per aver “sabotato la produzione durante uno sciopero”. Per loro i giudici hanno negato il reintegro accogliendo il ricorso dell'azienda. Ma la storia di Barrozzino e degli altri non è passata sotto silenzio e ora Sel intende darle voce anche nel prossimo parlamento.