Loredana Capone presenta la candidatura: "per il lavoro servono i fatti"
venerdì 28 dicembre 2012
Loredana Capone presenta la sua candidatura alle primarie e replica a distanza a Teresa Bellanova. "In Puglia aumentati Pil e occupazione, per il lavoro le parole non bastano"


Dopo Teresa Bellanova tocca a Loredana Capone dire la sua sulle primarie. In una sorta di derby tutto salentino le due donne più potenti del Pd pugliese continuano a darsi battaglia e pur senza chiamarsi in ballo direttamente si lanciano frecciate al curaro, in arrivo dal cuore della federazione provinciale.

Così, se la deputata uscente aveva bacchettato chi non si prende cura dei diritti dei lavoratori parlando solo di “innovazione”, con stoccate anche nei confronti di chi, come Loredana Capone, resta indietro con la contribuzione al Pd, oggi arriva la risposta della Capone.

“Per i lavoratori le parole non bastano”, spiega la vicepresidente. “Non dico che altri non abbiano fatto ma per salvare i posti di lavoro non servono elargizioni, quanto piuttosto promuovere sviluppo come abbiamo fatto in Puglia negli ultimi anni”. Al modello “sindacale” della Bellanova, la Capone contrappone insomma il suo modello “amministrativo”, che ora le piacerebbe importare in Parlamento per coronare un lungo percorso iniziato dalla gavetta.
E a chi gli chiede se le candidature non inizino a diventare troppe risponde: “è il partito che me lo ha sempre chiesto e non ho mai avuto paura di mettermi in gioco anche quando c'era solo da perdere”.