Primarie Pd, Capone lancia la Bellanova: "Trasparenza nei conti e sugli intenti"
mercoledì 26 dicembre 2012
In casa Pd, a Lecce, il lancio della candidatura di Teresa Bellanova. Invito ai colleghi: "Rendicontazione trasparente per tutti"

Il segretario provinciale Salvatore Capone lancia la candidatura alla primarie di Teresa Bellanova, donna del partito ma soprattutto donna dalle tematiche forti. E lei, nella sede del Pd di via Tasso, presenta il rendiconto del suo mandato:

“Ci tenevo a farlo nel mio partito e non in una sala d'albergo” dichiara in apertura “Credo in una politica senza scorciatoie di cui rivendico una funzione pedagogica. In questi anni non sono mancate le richieste d’aiuto, sono stati anni di lavoro intenso, tra interrogazioni e interpellanze. L'ultima risoluzione in ordine di tempo è quella approvata all'unanimità dalla camera sulla cassa integrazione in deroga. Un risultato che oggi rivendico”.

E poi ancora: “Ringrazio Salvatore ma avrei voluto qui anche gli altri candidati. (In sala è presente solo Foresio, ndr). Li ho invitati perché volevo rivolgere loro l'invito a non esasperare la campagna per le primarie”. 

Fino ad arrivare poi alla stoccata finale: “Oggi rendo conto anche del mio reddito e di quello di mio marito: in questi cinque anni ho versato 303.000 euro al Pd. La mia casa di proprietà ora è gravata da un’ipoteca stipulata per pagare il mutuo del Pd per campagne elettorali forse un po' esagerate. Evidentemente non siamo tutti uguali. Chiedo allora a tutti i candidati di mettere a disposizione dei cittadini la propria rendicontazione. La politica, così, può essere pulita”.

Quasi il lancio di un ticket questa dichiarazione, appoggiata anche da Capone. Ma la Bellanova precisa: “È un invito, non una richiesta formale”.